I giochi del nuovo millennio: cosa arriva da qui al 2014?

I giochi del nuovo millennio: cosa arriva da qui al 2014?

Stavo facendo il punto della situazione dell’anno venturo. Visto che ne scrivo qua, i lettori più accorti avranno già immaginato che parli di videogiochi; e in effetti ci hanno imbroccato. Comunque i nomi sono così esaltanti che per una volta ho pensato di non dare una preview di un solo gioco ma una piccola panoramica dei titoli da qui al 1 gennaio 2014, giusto per tenere d’occhio il mercato e preparare il portafogli. Premetto che, da amante del RPG e del FPS mi esalto di più per giochi che premettono molta azione e, possibilmente, intenso storytelling, per cui la panoramica sarà molto scarna, anzi priva, di giochi di tipo sportivo e di qualunque ennesimo Sims si prospetti nel prossimo anno solare. In sintesi si tratta di una piccola introduzione a titoli che recensirò uno ad uno più in là col tempo, approfittando di una pausa dalle uscite.

Batman Arkham Origins

bao_logo_master_final_simplified

Ma veniamo un po’ al punto. Direi che l’ordine cronologico si addica al contesto e allora aprirei con il titolo più prossimo: Batman Arkham Origins. Il 25 ottobre esce il terzo capitolo di una saga che, personalmente, mi fa impazzire. Bruce Wayne torna all’inizio della sua carriera, quando ancora non controlla la sua forza bruta e quando si trova contro tutti (perché manca il commissario Gordon e buona parte della polizia è corrotta). Le principali novità che ho colto sono i combattimenti leggermente accelerati rispetto ai precedenti capitoli e una Gotham così grande da rendere necessario il fast traveling; le quali possono sembrare poco rilevanti, ma guardando i gameplay presentati fanno venire l’acquolina in bocca. Con quel pizzico di violenza e mistero in più i fan cinematografici non resteranno assolutamente delusi (confidando in un buon lavoro del prossimo regista dopo un gran Nolan). È il ritorno dell’oscuro vendicatore.

Assassin’s Creed Black Flag

Assassins-Creed-4-Black-Flag-wallpaper_001

Il 31 ottobre esce  Assassin’s Creed Black Flag. E con questo penso di avere detto tutto. Un personaggio che pur mutando in persona, nazionalità e secolo non ha mai perso un briciolo di charme come poteva diventare ancora più carismatico? Diventando un pirata, ovviamente! La Ubisoft, che ha già lasciato intravedere parecchio nelle presentazioni per Playstation 4, ha mostrato qualcosa che sembra da 10 su 10.  Animazioni curate, doppiaggi eccezionali, una simulazione ambientale e fisica fantastica (onde, fumo, piante, luci, cannonate e via così). Ci sarà la possibilità di abbordare le navi, oltre a cannoneggiarsi apertamente, esplorare la mappa e trovare tesori, senza togliere nulla al classico assassinio silenzioso e ai combattimenti armati di sciabola e pistole. Che cosa dire? All’arrembaggio!

Battlefield 4

Battlefield-4

Ad Halloween avremo l’imbarazzo della scelta, perché in contemporanea a Black Flag esce Battlefield 4. La EA risponde alla Ubisoft con la distruzione totale. Volete abbattere un muro? Si può. Volete abbattere un palazzo intero? Diamine, si può! Il tutto con l’accortezza da parte dei programmatori di non poter lasciare mai la mappa come un’azzerata piana di desolazione, tipo Mordor, in cui tutta la parte tattica va a farsi benedire, ma conservando la giusta dose di punti strategici; in modo da garantire un gioco intelligente. Questo titolo è la sensazione di stare in zona di guerra fatta videogioco e si presenta come il first person shooter visivamente più spettacolare e realistico dell’anno. Ho già sprecato troppi aggettivi che non rendono abbastanza l’idea, perché va visto e vissuto. Al trailer mi sono innamorato nei primi 10 secondi, assistendo a un’uccisione manuale senza la vecchia dinamica della coltellata e via, ma con un cazzotto, pugnale nel buco del kevlar e schizzo rosso. Boom, baby!

Call of Duty: Ghosts

call-of-duty-ghosts_XboxOne_cover

L’Activision sta dormendo? No che non sta dormendo. Call of Duty: Ghosts esce il 5 novembre e promette di fare pesante concorrenza agli altri titoli. Storia inedita, personaggi inediti, meccaniche inedite: una sequenza di novità. Intanto arriva Riley il cucciolone, un pastore tedesco squarcia gole, parzialmente controllato dai player (elemento tattico interessante), poi nuove modalità di gioco multiplayer (da sempre la forza di COD) e nuove possibilità di personalizzazione del character, con 30 nuovi perks. Il “pick ten” sarà ampliato illimitatamente, ma i perks diventeranno tipici di ogni classe. Il prestigio è rivisto, ma si possono avere sino a 10 diversi soldati da evolvere differentemente. Insomma un titolo di classe per spararsi fra amici. Adrenalina e pallottole si sprecano.

E poi il 22 novembre: Watch Dogs e Dead Rising 3. Il primo un’assoluta novità che presenta nell’hacking la base del gioco; il che promette grande versatilità nell’affrontare le missioni e una prospettiva nuova (pur se, pare, assomigli in questo alla saga di Assassin’s Creed) nel gestire mappe, movimenti e fughe. Con addirittura la possibilità di intrusione di hacker esterni dai loro pc o  tablet, ad aiutarci o ostacolarci. Il secondo un consolidato, demente, divertentissimo, caro, vecchio survival horror; ma da questa volta ancora più vivace e creativo, dove si può montare praticamente qualunque cosa su qualunque cosa per spaccare crani già morti. Insomma non esattamente una novità ma ciò non toglie che si prospetti molto divertente. Una novità e una sicurezza insieme: che volete di più? Guardatevi i trailer!

Il 2014 ve lo presento nella prossima puntata ma butto là due titoli a farvi aumentare la salivazione: Thief, The Witcher, Metal Gear Solid, Elder Scrolls si ripresenteranno alla grandissima. Preparatevi…

Se ti è piaciuto questo articolo, ci farebbe piacere se lo condividessi
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on StumbleUpon0
Seguici su Facebook, Twitter, Google+, Telegram e se apprezzi il nostro lavoro scopri come supportarci ♥
simone

Simone Montalto - Webmaster e Editor

Ingegnere Informatico laureato presso il Politecnico di Milano. Appassionato di tecnologia e programmazione. Esperto e utilizzatore dei prodotti Apple ma anche di Android e Linux.

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Chiudendo questo banner o accedendo ad un'altra pagina del sito, acconsenti all’uso dei cookie. Se non acconsenti, alcune di queste funzionalità potrebbero essere non disponibili. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi