Google Foto utile per i nostri dispositivi - Guideitech

Google Foto, ecco perché bisognerebbe averlo sui nostri dispositivi

google_fotoEra sorprendente come Google non avesse ancora un prodotto per la gestione delle foto. Picasa si può classificare come un prodotto in fase di sviluppo mentre Google Drive è ottimo per gestire documenti ma pecca miseramente per quanto riguarda la gestione di foto e video. Esisterebbe Google+ Photos, ma il problema è che questa soluzione è strettamente legate al social network Google+. Cosa accadrebbe se Google finalmente presentasse un nuovo servizio dedicato alle foto? Questo è avvenuto durante lo I/O del 2015. Diamo il benvenuto a Google Foto.

In questo articolo scopriremo qualcosa di più su Google Foto e capiremo se vale la pena caricare tutte le nostre foto su questo nuovo servizio di Google.

google-foto_1

Tutte le caratteristiche di Google Foto

  • Google Foto è nato da Google+ Photos ed è disponibile per Android, iOS e per tutti i browser.
  • Puoi caricare un numero illimitato di foto gratuitamente (maggiori dettagli in seguito). Google Foto, una volta caricato le foto nel cloud, mostrerà tutti i file multimediali sui dispositivi collegati.
  • L’app automaticamente taggherà ogni foto in base alla posizione, al riconoscimento facciale e alla data e verranno organizzate in maniera intelligente in album e storie. È presente anche l’organizzazione manuale e c’è una potente funzione di ricerca.

1. Backup gratuito illimitato

Proprio così. Utilizzando Google Foto possiamo caricare tutte le nostre foto e video senza alcun limite di spazio. È possibile caricare in automatico le foto dal rullino fotografico di iOS e Android, da determinate cartelle specificate sui dispositivi Android oppure dalla semplice interfaccia web. Tutte le immagini fino a 16MP verranno memorizzata alla massima qualità, così come i video fino a 1080p. Foto e video di dimensioni maggiori verranno opportunamente scalate.

Questo significa che tutte le foto del mio iPhone verranno memorizzate in Google Foto senza alcuna compressione gratuitamente. In ogni caso, se possedete un dispositivo che scatta foto ad una risoluzione superiore di 16MP, è possibile caricare le foto a piena risoluzione occupando lo spazio di archiviazione del proprio account Google, che di base è di 15GB.

2. Non è più collegato a Google+

Questa è una delle cose migliori del nuovo Google Foto, oltre allo spazio di archiviazione illimitato. Molto di quello che l’app Google Foto fa era già possibile farlo con Google+ Foto. Ma il problema era prevaletemene il fatto che era necessario possedere un profilo su Google+ ed accedere alle foto tramite di esso.

3. Utenti di iOS, prestate attenzione

I possessori di dispositivi iOS non hanno la possibilità di effettuare un backup gratuito di tutte le loro foto tramite iCloud. La buona notizia per gli utenti iOS è che l’app Google Foto è stata rilasciata anche per iPhone e iPad e funziona molto bene. L’unico problema è che a differenza dell’app per Android, non è possibile utilizzare il caricamento in background delle foto. Ma questa è una limitazione di iOS. Perciò, se decidete di caricare migliaia di foto su Google Foto, avrete bisogno di collegare il vostro iPhone all’alimentazione, disattivare il blocco automatico e lasciare che lavori per qualche ora.

Ma una volta che tutte le foto saranno caricate, tutto funzionerà perfettamente. L’app è veloce e stabile ed ormai ho sostituito iCloud Photo Library sul mio iPhone con Google Foto.

4. Tag automatico e organizzazione è qualcosa di meraviglioso

Google ha qualcosa che Apple non ha, cioè tutte le nostre informazioni personali, fantastici servizi cloud e anni ed anni di studio di dati presenti su internet. Se state cercando qualcosa, Google ha la risposta pronta. Sembra incredibile ma se avete usato almeno una volta Google Now, allora dovreste sapere che è vero.

ricerca-e-tagDopo aver caricato l’intera libreria delle foto su Google Foto, Google inizia ad analizzarla e ad elaborare informazioni su di essa. Google conosce cosa ci piace ed inizia ad inserire tag intelligenti a tutte le foto ed i video.

L’algoritmo si basa sui metadati riguardanti la localizzazione e la data. Verranno creati in automatico collezioni dei nostri viaggi, feste e quant’altro. Ma non è tutto, in quanto ci ritroveremo con video creati automaticamente sulle nostre foto e video, con tanto di musica di sottofondo. Tutto questo, ovviamente, è modificabile da noi. L’app Google Foto integra anche funzioni di foto editing con possibilità di correzione automatica.

5. Supportato dalla ricerca di Google

Dopo che Google Foto ha scannerizzato l’intera libreria, potete cercare le foto inserendo parole chiavi come una località, una data p una serie di cose. Questo perché gli algoritmi di Google riconoscono ad esempio la differenza tra un cane ed un gatto e possono cercare tutte le foto di cani presenti nella libreria semplicemente ricercando la parola “cane”.

6. Il prezzo della libertà

C’è un detto giornalistico che dice che quando un prodotto è gratuito, noi siamo il prodotto. Questo è vero con tutti i servizi offerti da Google e lo è ancora di più col nuovo Google Foto. Ma se siete preoccupati sulla vostra privacy, allora dovreste stare lontani da Google.

Dopo tutto, un computer da qualche parte sta scannerizzando tutte le nostre foto, analizzando esse per dettagli come la localizzazione ed i volti.

Dovrei provare Google Foto?

Il servizio è gratuito e francamente, se avete un dispositivo Android e state utilizzando Gmail, allora dovreste trovarvi bene con le funzioni di scansione intelligenti.

Considerato che è gratuito, ognuno può utilizzarlo, e secondo noi ognuno dovrebbe usarlo. Dropbox offre 2GB gratuiti, iCloud 5GB, Google Foto infiniti.

Se ti è piaciuto questo articolo, ci farebbe piacere se lo condividessi
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on StumbleUpon0
Seguici su Facebook, Twitter, Google+, Telegram e se apprezzi il nostro lavoro scopri come supportarci ♥
simone

Simone Montalto - Webmaster e Editor

Ingegnere Informatico laureato presso il Politecnico di Milano. Appassionato di tecnologia e programmazione. Esperto e utilizzatore dei prodotti Apple ma anche di Android e Linux.

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Chiudendo questo banner o accedendo ad un'altra pagina del sito, acconsenti all’uso dei cookie. Se non acconsenti, alcune di queste funzionalità potrebbero essere non disponibili. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi