Google Play Music per iOS debutta su App Store

Google Play Music per iOS debutta su App Store

music

Dopo mesi di ritardo, Google Play Music per iOS oggi  è ufficialmente comparso su App Store.

La versione iOS di Google Music corrisponde perfettamente a quella di Android, e consente agli utenti di trovare, ascoltare e condividere la propria musica in qualsiasi posto, oppure, attraverso l’aggiornamento alla versione completa (Unlimited) al costo di 9,99 dollari al mese, puoi ascoltare brani dalle principali etichette. Gli utenti Unlimited possono anche creare stazioni radio personalizzate da qualsiasi brano o album, o ascoltare una delle numerose stazioni predefinite.

A differenza dei concorrenti Pandora e iTunes Radio, non vi è alcun limite al numero di brani che un utente può saltare durante l’ascolto di stazioni radio. L’inserimento dei limiti di salto dei brani, non è mai stata gradita dagli utenti degli altri servizi.

music11

Google Play Music e Spotify, sono stati annunciati dal gigante della ricerca a maggio. Un client web e l’applicazioni per il sistema operativo mobile Android hanno accompagnato il lancio, con la promessa che l’applicazione per iOS sarebbe uscita qualche settimana più tardi.

L’applicazione Google Play Music per iOS non uscì, nonostante le voci insistenti sul suo rilascio imminente. Google, come motivo del ritardo, ha evidenziato le preoccupazioni per il DRM derivanti dalla mancanza del supporto per Flash di Adobe, ma il rilascio di oggi indica che l’azienda ha superato questi problemi.

Google Play Music è disponibile oggi come download gratuito da App Store ed i nuovi utenti riceveranno un mese gratuito del servizio Unlimited.

 

Se ti è piaciuto questo articolo, ci farebbe piacere se lo condividessi
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on StumbleUpon0
Seguici su Facebook, Twitter, Google+, Telegram e se apprezzi il nostro lavoro scopri come supportarci ♥
simone

Simone Montalto - Webmaster e Editor

Ingegnere Informatico laureato presso il Politecnico di Milano. Appassionato di tecnologia e programmazione. Esperto e utilizzatore dei prodotti Apple ma anche di Android e Linux.

  • tera

    Google mette a disposizione il suo servizio a tutti e a l’Acerrimo Acerbo Nemico e gli stronzi citati prima non rendono open-source Mecchintoshio OSX.

  • Antonio

    cosa c’entra un’app resa disponibile per iOS (perchè sai quanti introiti ti porta l’utilizzo da parte degli Apple User) con il rilascio Open Source di un sistema operativo??

  • Pingback: Musi: estrarre brani musicali gratis dai video Youtube | Webso()

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Chiudendo questo banner o accedendo ad un'altra pagina del sito, acconsenti all’uso dei cookie. Se non acconsenti, alcune di queste funzionalità potrebbero essere non disponibili. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi