Recensione: Umi Super, smartphone Super con qualche compromesso

Recensione: Umi Super, smartphone Super con qualche compromesso

La messa in commercio di dispositivi cinesi nel mercato occidentale ha permesso il miglioramento generale degli smartphone di fascia medio e bassa. Fino a qualche anno fa, chi cercava un terminale con un buon processore, display in alta risoluzione ed una buona fotocamera, doveva necessariamente acquistare smartphone di fascia alta. Oggi, invece, l’alta concorrenza ha fatto crescere la qualità media dei prodotti venduti in una fascia di prezzo tra 100€ e 200€. Ho avuto modo di provare personalmente lo smartphone Umi Super, un dispositivo che viene venduto su TomTop al prezzo accessibile di 179.99€.

Ad un prezzo di vendita concorrenziale vengono offerti componenti e prestazioni di alto livello. In generale le considerazioni di questo dispositivo sono molto positive. Ci sono alcuni aspetti che possono essere migliorati o affinati con futuri aggiornamenti software, ma per questa fascia di prezzo è un terminale di tutto rispetto. Se vuoi saperne di più su Umi Super, continua a leggere la recensione dettagliata di questo interessante smartphone.

1

Umi Super, qualità ad un prezzo contenuto

Design e caratteristiche tecniche

Umi Super è uno smartphone di fascia media ma realizzato con materiali di buona qualità. Il corpo posteriore infatti è costituito per la maggior parte in alluminio, con due bande in plastica di 1cm poste alle due estremità. Le bande in plastica sono essenziali per permettere l’inserimento delle antenne cellulare, Bluetooth e Wi-Fi.

2Allineate in verticale, sulla parte superiore del retro l’azienda ha collocato la fotocamera da 13MP, un Flash Led Dual Tone ed un sensore di impronte digitali. La back cover è leggermente bombata. La curvatura non è molto accentuata, e questo non agevola l’impugnatura dello smartphone. Le dimensioni sono infatti onerose considerato che questo è un phablet: 15,1cm di altezza e 7,5cm di larghezza che ospitano frontalmente un display da 5,5 pollici. La risoluzione dello schermo è di 1920×1080 pixel (FullHD) che, rapportata alle dimensioni del display, riesce a garantire ben 401ppi (pixel-per-inch).

3Anteriormente sono presenti una fotocamera da 5MP, il sensore di luminosità e la capsula audio per le chiamate. In basso, invece, l’azienda cinese ha pensato di inserire un led circolare di notifica di tipo RGB che, all’occorrenza, può essere utilizzato come tasto touch a sfioramento. Ma di questo aspetto parlerò più avanti quando analizzerò il comparto software. Il vetro frontale è stato realizzato con la tecnologia 2.5D. Questo significa che è leggermente ricurvo sui bordi, cercando di creare una sorta di continuità con i lati del dispositivo.

4Lo spessore è di circa 8.5mm, per un peso complessivo di 200g. Il peso si sente tutto quando si prende in mano il telefono, ma dona anche una sensazione di robustezza. Lo spessore è giustificato dalla presenza di una batteria da ben 4000mAh, che certamente ha influito molto su questo aspetto dello smartphone. Sul lato destro sono collocati il bilanciere del volume ed il tasto di accensione/spegnimento. Sulla sinistra, invece, il carrellino delle SIM ed un terzo tasto hardware personalizzabile, in grado di avviare un’app da noi selezionata. Il carrellino può ospitare due SIM in formato micro oppure una microSIM ed una scheda microSD, che permette di espandere la memoria interna di 32GB, fino ad un massimo di 128GB.

5Il lato superiore è dotato del solo jack cuffie da 3.5mm, mentre in basso troviamo uno speaker, un microfono e la porta USB-Type C per la ricarica. Nel complesso ho apprezzato la cura dei dettagli che l’azienda ha rivolto nei confronti di Umi Super. Bella anche la fresatura dell’alluminio presente lungo gli spigoli del dispositivo.

6Per completare la disamina dell’hardware, Umi Super è dotato di un processore octa-core HelioX10. La CPU, realizzata da Mediatek, presenta un’architettura a 64bit ed una frequenza massima di clock di 2.0GHz. La GPU invece è la Mali-T860 con frequenza di 700MHz. La RAM a disposizione è di ben 4GB mentre è disponibile anche la frequenza da 800MHz per quanto riguarda la bande 4G/LTE. Questo significa che questo smartphone è compatibile con tutti gli operatori italiani anche in 4G.

Prestazioni

Le prestazioni hardware offerte da Umi Super sono molto soddisfacenti. Il processore Mediatek Helio X10 svolge egregiamente il suo lavoro. Permette un’apertura rapida delle app ed un’ottima fluidità quando si utilizza lo smartphone. Ho utilizzato per una settimana questo smartphone con soddisfazione, ed il passaggio da un dispositivo top di gamma non si è affatto notato nell’uso quotidiano. I 4GB di RAM vengono ben sfruttati dal sistema operativo e riescono a mantenere in memoria le ultime applicazioni aperte oppure le finestre del browser. Quasi assenti i ricaricanti dell’interfaccia quando si deve passare spesso tra un’app ed un’altra.

Per mettere sotto sforzo il processore e la RAM, ho aperto 5 schede su Google Chrome ed avviato in contemporanea due giochi (Asphalt 8 e Real Racing 3). Per circa 5 minuti sono passato da un gioco al successivo effettuando una gara automobilistica su entrambi i titoli, per poi ritornare a Google Chrome ed aprire, in sequenza, i 5 siti caricati in precedenza. Durante tutto il test non c’è stato nessun ricaricamento. I 5 siti web sono rimasti sempre in memoria, ed ho potuto riprendere la gara su entrambi i giochi esattamente dallo stesso punto in cui l’avevo lasciata.

16Per quanto riguarda l’aspetto grafico, la Mali-T860 non è una scheda video ottimizzata per il gaming ed in alcune occasioni si nota. Se con il gioco Real Racing 3 non ho notato nessun tipo di rallentamento anche con i dettagli grafici al massimo, durante l’esecuzione di Asphalt 8 sono stati evidenti alcuni frame persi ed una fluidità visivamente non sempre al top. Con giochi meno onerosi dal punto di vista grafico, invece, non ho notato nessun tipo di problema e, nel complesso, si riesce a giocare in modo fluido anche con titoli più impegnativi.

Come detto in precedenza, l’apertura delle app è molto reattiva. Anche la fruizione dei contenuti, ad esempio su Facebook o su Google Chrome è molto soddisfacente. Su Facebook si possono notare dei micro lag appena si avvia l’app. Ma a dati caricati, l’interfaccia risponde con reattività e con animazioni fluide. Anche il browser di sistema risponde molto bene e l’esperienza di navigazione è ottima. L’interfaccia segue molto bene il dito, sia quando si scorre una pagina che quando si effettua lo zoom.

Display

Il display di Umi Super è un’unità LTPS (Low-temperature polycrystalline silicon) da 5,5 pollici con risoluzione FullHD. La tecnologia LTPS si pone a metà tra gli schermi IPS ed Amoled, garantendo una buona gamma di colori, che non sono falsati come quelli dei display Amoled. Gli angoli di visione sono molto buoni e si riesce a vedere il display anche con un alto grado di inclinazione. I punti di bianco sono ben definiti con una visualizzazione perpendicolare dello schermo. Tendono invece leggermente al giallo se si vede il display di taglio.

Nulla di drammatico, in quanto solo un occhio ben attento riesce a percepire questa variazione di tonalità. I neri invece non sono assoluti e, alla massima luminosità tendono leggermente al grigio scuro. Nel complesso l’ampio display e l’ottima densità di pixel permettono una frazione appagante del dispositivo. I giochi sono ben definiti, le immagini chiare e nitide e si fa fatica a notare i pixel dell’interfaccia.

8La curvatura del vetro lungo i bordi agevola l’esecuzione di gesture dai lati dello schermo. Inoltre si lascia apprezzare dal punto di vista estetico. Il vetro è di tipo Gorilla Glass 3, che garantisce un’ottima residenza ad urti e cadute. Lo schermo però è poco oleofobico. Dopo averlo utilizzato, infatti, si notano molto le ditate e bisogna pulirlo spesso. La luminosità è buona e permette l’utilizzo dello smartphone anche sotto luce diretta del sole senza alcun tipo di problema. Il sensore di luminosità si comporta molto bene al passaggio da un ambiente luminoso ad uno più scuro. La regolazione del display infatti avviene istantaneamente e si regola sempre su livelli accettabili dalla vista.

Ma non è tutto oro quello che luccica. Seppure sia un ottimo display, ho potuto notare un piccolo problema che non capisco se imputare all’hardware oppure al software. Quando l’Umi Super è poggiato su una superficie piana, come un tavolo, spesso il tocco del dito non viene recepito. Tutto torna a funzionare normalmente quando si prende il telefono in mano oppure se si poggia, banalmente, un dito lungo il bordo in alluminio del dispositivo.

L’azienda è a conoscenza di questo bug e sta cercando di risolverlo attraverso aggiornamenti software. Al momento della stesura di questa recensione, però, il problema è ancora presente. Questo aspetto comunque non inficia l’usabilità del telefono quando tenuto regolarmente in mano. In questa circostanza la digitazione avviene velocemente ed il display non perde un colpo.

Software

Il sistema operativo preinstallato su Umi Super è Android 6.0 Marshmallow in versione stock. Sono poche infatti le personalizzazione a livello software dell’azienda e l’esperienza d’uso si avvicina molto a quella dei Nexus di Google. L’azienda cinese punta molto su questo smartphone. Questo è evidenziato dal numero di aggiornamenti che sono stati rilasciati fino ad oggi (ben 7 da maggio 2016 fino a settembre 2016). Inoltre, Umi ha intenzione di rilasciare un Major Update ad Android 7.0 Nougat il 24 dicembre.

9Come dicevo, le personalizzazioni sono poche e sono tutte accessibili dalle Impostazioni dello smartphone. È presente la possibilità di gestire le due SIM, che possono funzionare contemporaneamente. Dalle impostazioni si può settare una SIM come preferita rispetto ad un’altra, sia per quanto riguarda le chiamate e gli SMS. Inoltre si può selezionare quale utilizzare per la connettività ad internet.

Anche il led RGB può essere personalizzato. Il sistema permette di regolare il colore che il LED deve avere quando è presente una notifica di chiamata, un SMS, quando il telefono è scarico oppure è in fase di ricarica. Tramite apposite app scaricabili dal Play Store, invece, si può decidere di assegnare un colore personalizzato ad ogni tipo di notifica che possiamo ricevere sul dispositivo.

11L’utente può decidere se utilizzare i classici tre tasti software di Android oppure quelli hardware implementati su questo Umi Super. Decidendo di utilizzare i tasti hardware, il LED funzionerà anche da tasto Home. Disattivando i tasti hardware, invece, in basso sullo schermo comparirà una barra nera con i tre tasti di Android. Infine, sempre tramite le impostazioni, si può decidere quale applicazione avviare quando si preme il tasto hardware posto sul lato sinistro del telefono. Di default si attiva la fotocamera, ma può essere scelta una qualsiasi app installata.

Multimedialità

Lo speaker di sistema è stato collocato in basso, di fianco la porta USB Type-C. Nel complesso l’audio non è molto alto ma risulta limpido. Durante la riproduzione dei brani, però, si nota molto l’assenza di bassi. Per quanto chiaro, il suono è molto piatto e non si riescono a cogliere le sfumature e le diverse tonalità dei brani. Anche il volume della capsula auricolare utilizzata durante le chiamate non è molto alto, però la voce dell’interlocutore è chiara e non sono presenti fruscii o disturbi.

12Il doppio microfono permette un’ottima riduzione dei rumori ambientali in chiamata, non creando nessun problema di sorta. Utilizzando cuffie auricolari, la qualità è ottimale. I driver audio funzionano egregiamente quando si connette una cuffia con jack da 3.5mm. Il volume in uscita dalle cuffie è alto e ben definito ed anche durante le chiamate non ho riscontrato problemi.

Quando ho utilizzato un paio di cuffie Bluetooth, invece, ho riscontrato alcuni problemi. Da premettere che sia il Bluetooth dell’Umi Super che quello delle mie cuffie è di tipo 4.1 Low Energy. Ho però riscontrato dei blocchi sporadici durante l’ascolto. In alcune circostanze ho dovuto disconnettere le cuffie ed effettuare nuovamente l’accoppiamento per riprendere la riproduzione dei brani. Penso che sia un bug facilmente risolvibile con un aggiornamento software.

Fotocamera

La fotocamera frontale, da 13MP, è l’aspetto che mi ha convinto di meno di Umi Super. Quasi ogni caratteristica dello smartphone, dal processore al display, garantiscono prestazioni ottimali, specialmente se rapportate al prezzo di vendita del terminale. La fotocamera, invece, non è all’altezza delle aspettative. In condizioni di scarsa luminosità l’interfaccia è lenta ed i tempi di messa a fuoco sono lunghi. Come se non bastasse, gli scatti lasciano per strada molti dettagli ed effettuando uno zoom sulle foto, si possono notare alcune zone che non sono state messe bene a fuoco. Sicuramente il problema è software, e se si installa una fotocamera di terze parti scaricabile dal Play Store, tutte le foto vengono scure, come se si scattasse una foto al buio. Leggendo i commenti sul blog ufficiale dell’azienda, sembra ci sia un bug con i driver della fotocamera che non riescono a regolare l’esposizione delle foto con app terze. Questo significa che se si vuole scattare una foto con WhatsApp, in assenza di luce non si vedrà molto nell’interfaccia della fotocamera. Si può usare il flash, che illumina decentemente l’ambiente, ma lo scatto deve essere effettuato “al buio”.

umi-super-fotoPer effettuare degli scatti decenti, ho dovuto trovare un ambiente illuminato al punto giusto, evitando di fare dei micro movimenti della mano durante la fase di elaborazione dello scatto per non avere una foto mossa. Certamente è un comparto migliorabile da futuri aggiornamenti. Gli utenti ci sperano e la società si sta impegnando a risolvere il problema, ma ancora non è riuscita a trovare una soluzione soddisfacente. L’ultimo aggiornamento software ha rinnovato l’app fotocamera di sistema. Sono state aggiunte diverse modalità, come la PRO-FOTO che permette di regolare ogni aspetto della foto, dalla luminosità al bilanciamento del bianco.

13

Batteria

La batteria è, dati alla mano, da 4000mAh. Durante una giornata di utilizzo stress, in cui ho effettuato 40 minuti di chiamate, ho utilizzato servizi di messaggistica istantanea come WhatsApp e Telegram e sono stato connesso per metà giornata in 4G con diverse sessioni di navigazione web, sono riuscito a totalizzare 4 ore e 45 minuti di schermo acceso e sono arrivato all’ora di cena con una sola carica. Con un utilizzo più blando, invece, si riesce a coprire senza problemi una intera giornata fino a sera. L’autonomia, in grado di coprire una giornata di utilizzo, sembra soddisfacente. Ma se rapportata all’amperaggio della batteria, lascia trapelare poche ottimizzazioni a livello software.

14Con 4000mAh di batteria mi sarei aspettato almeno 2 giorni di utilizzo intenso del telefono. I miei dati devono comunque essere mediati con l’utilizzo che ogni utente fa con il proprio smartphone. Se fai un uso meno intensivo dello smartphone, certamente riuscirai a coprire senza problemi due giorni di utilizzo.

Grazie al caricatore presente in dotazione, è possibile utilizzare la ricarica rapida su Umi Super. Una ricarica completa avviene in circa 1 ora e 20 minuti. Se si ha bisogno di una ricarica di emergenza, invece, con circa 30 minuti si riesce a ricaricare la batteria fino al 50%.

Sensore di impronte digitali e GPS

Il sensore di impronte digitali posto sul retro del dispositivo è bene integrato nel sistema. Oltre allo sblocco del dispositivo, permetto l’accesso protetto alle app supportate come 1Password. Seppur lo sblocco sia molto rapido (basta poggiare il dito, anche a schermo spento, ed il dispositivo si sblocca in una frazione di secondo), alcune volte può risultare impreciso. Volendo fare una statistica, su 10 tentativi di sblocco, l’impronta viene riconosciuta correttamente 7 volte.

15Il GPS invece non è molto preciso. L’aggancio dei satelliti è rapido, ma spesso il navigatore perde la posizione. Ho utilizzato Google Maps in un ambiente aperto a Milano, con connettività 4G, e durante il percorso lo smartphone ha perso alcune volte la posizione. In alcune circostanze le coordinate venivano falsate risultando essere sulla strada parallela a quella che stavo percorrendo a piedi. Questo possiamo definirlo un altro bug software, risolvibile con successivi aggiornamenti.

Conclusioni

Per riprendere il titolo di questa recensione, definirei Umi Super uno smartphone Super con qualche compromesso. Tra gli aspetti positivi di questo terminale bisogna certamente segnalare il processore Mediatek Helio X10, che insieme ai 4GB di RAM e alla Mali-T860 riesce a garantire velocità e fluidità in ogni circostanza. Belli anche i materiali e l’assemblaggio generale, con alcuni dettagli come il vetro curvo o la fresatura dell’alluminio che donano un aspetto premium al terminale.

7Tra gli aspetti negativi bisogna citare la fotocamera, che non viene sfruttare a dovere a livello software, ed il GPS. Per il prezzo al quale viene venduto questo smartphone non si può chiedere di più. Certamente lo consiglio a tutti gli utenti che necessitano di uno smartphone dalle ottime prestazioni ed un display di buona qualità visibile in ogni condizione di luce. Da rivedere solo il comparto multimediale. Se sei interessato all’acquisto di UMI Super, lo store TomTop lo vende al prezzo di 179.99€.

PRO

punto-verdeProcessore, RAM e scheda grafica ben gestiti dal sistema operativo.

punto-verdeVelocità nell’apertura ed esecuzione delle app.

punto-verdeSoftware Android Stock.

punto-verdeAggiornamenti frequenti.

punto-verdeRiceverà Android 7.0 Nougat il prossimo dicembre.

CONTRO

punto-rossoFotocamera non ottimizzata.

punto-rossoGPS perde spesso la posizione.

DA CONSIDERARE

punto-gialloIl display spesso non rileva il tocco quando lo smartphone è poggiato su una superficie piana.

Se ti è piaciuto questo articolo, ci farebbe piacere se lo condividessi
Share on Facebook0Share on Google+1Tweet about this on TwitterShare on StumbleUpon19
Seguici su Facebook, Twitter, Google+, Telegram e se apprezzi il nostro lavoro scopri come supportarci ♥
simone

Simone Montalto - Webmaster e Editor

Ingegnere Informatico laureato presso il Politecnico di Milano. Appassionato di tecnologia e programmazione. Esperto e utilizzatore dei prodotti Apple ma anche di Android e Linux.

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Chiudendo questo banner o accedendo ad un'altra pagina del sito, acconsenti all’uso dei cookie. Se non acconsenti, alcune di queste funzionalità potrebbero essere non disponibili. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi