Visore realtà virtuale Arealer. Recensione

Visore realtà virtuale Arealer. Recensione

Negli ultimi mesi si sta parlando molto di realtà virtuale. Molte aziende del settore tecnologico stanno infatti investendo molto in questo campo. I primi risultati si possono già apprezzare tramite i nostri smartphone con strumenti a basso costo. Ad esempio, utilizzando Facebook avrai certamente notato alcuni video realizzati a 360°. Per poterli vedere devi muovere lo smartphone intorno a te. Ma esiste un metodo migliore e più “avvolgente” per poter visualizzare questi tipi di video, utilizzati non solo da Facebook ma anche da YouTube e molte altre app, utilizzando un visore realtà virtuale.

visore-1Per poter apprezzare pienamente la realtà virtuale, o realtà aumentata, è necessario utilizzare un visore realtà virtuale all’interno dei quali inserire il proprio smartphone. Microsoft, Samsung, LG e molte altre aziende hanno rilasciato il proprio visore. I prezzi però attualmente sono molto proibitivi. Bisogna anche considerare che nei prossimi anni questa tecnologia evolverà notevolmente e questi dispositivi potrebbero essere sostituiti nel breve periodo con prodotti più aggiornati. Per questo motivo, se vuoi iniziare ad apprezzare la realtà virtuale, ti consiglio di provare un visore realtà virtuale economico.

visore-7

Attualmente questi prodotti economici sono più che sufficienti per la visione di video a 360° e permettono di risparmiare qualche centinaia di euro rispetto ad altre proposte del mercato. Recentemente ho avuto modo di provare il visore per la realtà virtuale di Arealer, un prodotto economico dal prezzo di 20.99€. In questa recensione vorrei condividere con te le mie impressioni e cosa è possibile fare con un prodotto del genere.

Visore realtà virtuale Arealer

Caratteristiche del prodotto

Un visore per la realtà aumentata è un dispositivo che viene indossato e posizionato sulla fronte, all’interno del quale viene inserito il proprio smartphone. Il visore di Arealer è un prodotto con una fascia elastica che aiuta a tenerlo ben saldo sul capo. Una imbottitura è posizionata lungo i bordi che andranno a contatto con il viso. In questo modo non si noteranno particolari fastidi quando viene indossato, anche so ho potuto notare alcuni problemi in prossimità del naso. Internamento sono posizionate due lenti, che possono essere distanziate l’una dall’altra, oppure messe a fuoco utilizzando le leve poste lateralmente e superiormente.

visore-6In questo modo, il visore realtà virtuale di Arealer può essere utilizzato da diverse persone con fisionomie totalmente differenti, in quanto si può adattare per tutte le esigenze. Anteriormente è presente uno sportellino, da aprire quando si deve inserire lo smartphone. Una imbottitura sulla sportello esterno ed una striscia gommata tra le due lenti garantiranno allo smartphone di rimanere ben saldo all’interno del visore e allo stesso tempo eviteranno spiacevoli graffi. Questo dispositivo offre una compatibilità con tutti gli smartphone con display compreso tra 3.5” e 6”.

Utilizzo visore realtà virtuale Arealer

Per poter utilizzare il visore è necessario utilizzare un’app compatibile con la realtà aumentata. Su YouTube sono presenti molti video realizzati a 360°. Basterà avviare YouTube e ricercare “360” per ottenere un elenco di tutti i video compatibili con tale tecnologia. Dopo averlo avviato e attivata la modalità a 360°, basterà inserire lo smartphone nel visore ed indossarlo. Bisogna fare un po’ di prove le prime volte che viene utilizzato, in quanto è necessario mettere a fuoco le lenti in maniera ottimale per poter apprezzare i video riprodotti.

visore-8Essendo il display dello smartphone quasi a contatto con le lenti del visore, maggiore sarà la risoluzione del display migliore sarà la qualità visiva. Ad esempio, con un display HD si noteranno i pixel del video. Con display in FullHD i risultati iniziano ad essere migliori. Questo è il motivo che sta spingendo molti produttori di smartphone a realizzare display con risoluzione QHD o 4K.

Dopo aver indossato il visore realtà virtuale, saremo immersi all’interno del video in riproduzione. Tutti i video a 360° sfruttano il giroscopio dello smartphone. In questo modo, muovendo la testa ci sposteremo all’interno del video come se fossimo presenti in prima persona all’interno del luogo mostrato nel filmato. Potremo camminare, girarci intorno ed avremo l’impressione di muoverci realmente all’interno della realtà virtuale. Spesso, istintivamente ho cercato di toccare con mano oggetti mostrati nel video. Questa tipologia di video però porta spesso ad una sensazione di nausea o giramento di testa se utilizzata per molto tempo. Per questo motivo consiglio di non abusarne.

visore-3

Il visore realtà virtuale di Arealer è un dispositivo passivo, in quanto tutto il lavoro verrà svolto dal dispositivo. Per questo motivo, per poter interagire con i pulsanti presenti nei video o nelle app è necessario utilizzare un telecomando Bluetooth esterno.

Conclusioni

Allo stato attuale, la realtà virtuale è ancora molto acerba. A parte Facebook e YouTube, sono poche le app che permettono di sfruttare tale tecnologia. In un futuro prossimo dovrebbero essere rilasciati anche molti giochi con i quali poter giocare tramite questi visori. Fino ad allora non consiglio l’acquisto di un prodotto costoso.

Per questo motivo consiglio di puntare su un visore economico come quello di Arealer, per iniziare a toccare con mano le potenzialità della realtà virtuale. Rispetto a prodotti di aziende come Microsoft o Samsung, il visore Arealer ha un prezzo molto contenuto e può essere acquistato su Amazon al prezzo di 20.99€, ma se inserisci il codice sconto JVUJBNBF fino al 15 agosto avrai uno sconto del 30%.

Se ti è piaciuto questo articolo, ci farebbe piacere se lo condividessi
Share on Facebook0Share on Google+1Tweet about this on TwitterShare on StumbleUpon1
Seguici su Facebook, Twitter, Google+, Telegram e se apprezzi il nostro lavoro scopri come supportarci ♥
simone

Simone Montalto - Webmaster e Editor

Ingegnere Informatico laureato presso il Politecnico di Milano. Appassionato di tecnologia e programmazione. Esperto e utilizzatore dei prodotti Apple ma anche di Android e Linux.

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Chiudendo questo banner o accedendo ad un'altra pagina del sito, acconsenti all’uso dei cookie. Se non acconsenti, alcune di queste funzionalità potrebbero essere non disponibili. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi