Da alcuni sondaggi è emerso che negli ultimi anni il numero dei furti degli smartphone è aumentato in modo esponenziale. È buona norma quindi prendere delle precauzioni, cercando di rendere il telefono rintracciabile in caso di smarrimento o nel caso questo potrà essere rubato. In questa guida vedremo un’interessante applicazione che rende rintracciabile il nostro smartphone Android rubato.

Wheres My Droid: l’assistente ideale per rintracciare lo smartphone Android rubato

Sul Play Store di Google si trovano molte applicazioni che promettono di rintracciare il nostro smartphone nel caso questo venga smarrito o rubato. Durante la mia ricerca, attenzione è ricaduta sull’app Wheres My Droid, che ritengo essere la più completa. I suoi punti di forza sono le molte funzioni presenti, del tutto personalizzabili, e la possibilità di scaricarlo gratuitamente dal Play Store.

smartphone-rubato-01Per poter funzionare l’applicazione, deve rimanere sempre in esecuzione in background sul dispositivo, ma gli sviluppatori assicurano che Wheres My Droid non incide particolarmente sulla durata della batteria. Dopo aver scaricato (qui il link per il download dal Play Store) e installato l’applicazione, al primo avvio partirà la configurazione del servizio. Le diverse funzioni possono essere attivate inviando determinati messaggi al numero della SIM inserita nello smartphone Android:

  • inviando il messaggio WMD Ring il telefono inizierà a suonare e vibrare
  • inviando il messaggio WMD GPS il telefono invierà, tramite sms, le coordinate GPS dello smartphone

rubatoI messaggi di default possono essere personalizzati. Inoltre, nelle impostazioni di sicurezza è possibile creare una white/black list, nella quale inserire i numeri che possono attivare le varie funzioni e che invece non possono ottenere informazioni inviando i diversi messaggi. È possibile ottenere le diverse informazioni anche tramite una interfaccia web (quindi senza inviare nessun messaggio). Per fare questo, è semplice attivare, dalle impostazioni, il modulo Commander (al quale bisogna associare un account gmail). Infine è possibile bloccare l’accesso all’applicazione, impostando un codice di accesso quando si clicca sull’icona.

Condividi.

Informazioni autore

Ingegnere Informatico laureato presso il Politecnico di Milano. Appassionato di tecnologia e programmazione. Esperto e utilizzatore dei prodotti Apple ma anche di Android e Linux.

43 commenti

    • Simone Montalto il

      Ciao, se è spento purtroppo lo smartphone non può inviare informazioni. Devi attendere che esso venga riacceso.

  1. Una domanda da ingenuo, quindi chi si è rubato il mio cell toglie la sim queste applicazioni non servono ad un emerita cippa giusto?Visto che comunicano con il numero della sim configurata nel cell?

  2. Una domanda da ingenuo, quindi chi si è rubato il mio cell toglie la sim queste applicazioni non servono ad un emerita cippa giusto?Visto che comunicano con il numero della sim configurata nel cell?

  3. Pingback: Come revocare accesso account Google su dispositivi Android

Lascia un commento