Google Maps: 12 funzioni utili che non conosci

Google Maps nasconde alcune funzioni utili che non tutti conoscono e potrebbero rilevarsi molto utili durante la navigazione satellitare. Se sei solito utilizzare il motore di ricerca più famoso al mondo, allora sicuramente non potrai farti sfuggire queste 12 funzioni segrete. Continua a leggere per scoprirle.

12 funzioni di Google Maps che devi assolutamente conoscere

 

Google Maps

Google Maps ha molte funzioni utili, come quella di fornire aggiornamenti sul traffico, sul trasporto pubblico, oppure informazioni su ristoranti, monumenti o altri punti di interesse. Ci sono, però, alcune funzioni incredibilmente utili ma che non tutti conoscono. Ecco le opzioni più importanti che devi assolutamente conoscere. Se non hai ancora Google maps sul tuo smartphone, puoi scaricarlo da qui:

DOWNLOAD | Google Maps – iOS

DOWNLOAD | Google Maps – Android

1 – La funzione vocale

Sui dispositivi Android tra le varie funzioni di Google Maps c’è anche quella dei comandi vocali, particolarmente utile mentre si è alla guida.

Per utilizzarla, ti basterà dire “Ok Google” e chiedere tutte le informazioni che ti servono, come  “Che strada è questa?” o “Come procede il traffico?” o ancora “Evita i pedaggi”,”Evita le autostrade”, “Trova le stazioni di servizio” e “Portami da McDonald’s” “Qual è l’hotel più vicino?”.

2- Ricordarti dove hai parcheggiato

Sia su iPhone che su Android l’app Google Maps consente di ricordarti dove hai parcheggiato la tua macchina. Per farlo, apri Maps e tocca il punto blu che rappresenta la tua posizione corrente. Si aprirà un menu nascosto con alcune utili opzioni, inclusa la possibilità di salvare la posizione corrente del parcheggio.

Puoi anche aggiungere delle note supplementari o scattare foto e persino impostare un timer per ricordarti quando è ora di spostare la tua auto.

Quando dovrai tornare alla tua auto, ti basterà cercare la notifica di parcheggio salvata sul cellulare o aprire l’app e andare nella scheda “Posizione parcheggio”, presente nella parte inferiore dello schermo.

3- Condividere la tua posizione, anche quando sei in movimento

Google Maps è molto utile anche se devi farti trovare o devi far sapere il luogo esatto in cui ti trovi, condividendo la tua posizione in tempo reale.

Per farlo, apri Maps sul cellulare, tocca il punto blu che rappresenta la tua posizione corrente e seleziona la voce “Condividi la tua posizione”. Ti chiederà per quanto tempo condividerla, impostando un timer, o se tenerla attiva fino a quando non la disabiliti manualmente.

Puoi accedere alla funzione di condivisione anche mentre ti trovi in ​​mezzo a una navigazione di Maps. Ti basterà scorrere verso l’alto dalla barra bianca nella parte inferiore dello schermo e selezionare “Condividi avanzamento viaggio”. In questo modo condividerai la tua posizione con chiunque tu desideri fino a quando non raggiungerai la tua destinazione impostata.

Quando avrai abilitato la condivisione, in entrambi i casi nella parte inferiore di Google Maps vedrai un indicatore che ti informa che la condivisione della posizione è attiva. Potrai sempre interrompere la condivisione toccando l’icona.

4- Ricerca lungo il percorso durante la navigazione

Il menu a scorrimento rapido menzionato accessibile durante la navigazione permette anche di cercare punti di interesse lungo il percorso corrente, come stazioni di servizio, ristoranti, negozi di alimentari, caffè ed altro.

5- Scopri cosa c’è nelle vicinanze

Anche mentre non stai navigando, puoi trovare specifici luoghi vicino alla tua posizione corrente o in qualsiasi altro punto.

Per farlo, ti basterà scrivere il luogo che ti interessa nella barra di ricerca seguito da “qui vicino” o “vicino a…”. Ad esempio: “Ristoranti vicino a qui” “Farmacie vicino a Milano” “Ristoranti vegetariani vicino a me” e altro.

6 – Street View e il suo potenziale

Street View è senza dubbio una delle funzionalità più interessanti di Google Maps.

Per utilizzarla, non devi fare altro che cercare all’interno di Maps qualunque cosa tu voglia visualizzare o anche toccare e tenere premuto il dito su qualsiasi punto della mappa per selezionare uno specifico punto di riferimento. Successivamente, tocca l’immagine della posizione che appare nell’angolo in basso a sinistra dello schermo. A questo punto, tocca l’icona della bussola nell’angolo in alto a destra dell’app.

7 – Puoi tornare indietro nel tempo

Tramite Street View puoi anche guardare un determinato luogo “indietro nel tempo”.

Questo funzione è disponibile solo per il sito da desktop, quindi per usarla dovrai necessariamente aprire Maps sul computer, tramite qualsiasi browser internet.

Dopo aver trovato il luogo che ti interessa, trascina l’omino giallo con il mouse e lascialo cadere dove vuoi, quindi cerca l’icona dell’orologio nella casella grigia in alto a sinistra dello schermo.

Toccalo e sarai in grado di trascinare un cursore indietro nel tempo per vedere le visualizzazioni a 360 gradi degli anni precedenti.

La funzione non è disponibile per tutti i posti, ma è abbastanza diffusa e molte località hanno un valore decennale di dati.

8 – Trasmetti una mappa direttamente sul tuo telefono o auto

Sapevi che mentre stai consultando un percorso sul sito internet puoi trasferirlo direttamente sul tuo dispositivo mobile? Tutto quello che devi fare è cliccare sull’opzione “invia indicazioni al tuo telefono” presente di lato a sinistra, sotto il nome o l’indirizzo del luogo.

Fai clic su qualsiasi versione appaia e vedrai un elenco di dispositivi collegati al tuo account Google (i dispositivi Android dovrebbero essere visualizzati automaticamente, mentre gli iPhone ti richiedono prima di installare e accedere all’app Maps e quindi attivare le notifiche all’interno delle impostazioni dell’app).

9 – Consulta le stime del traffico per una data specifica di partenza

Sicuramente avrai notato che quando cerchi una posizione sulla versione desktop di Google Maps accanto ai vari percorsi disponibili vengono mostrate anche le informazioni sul traffico. Queste variano in base ai giorni e all’orario di partenza e, ovviamente, incidono sul tempo di viaggio.

Ciò che forse non sai è che Google fornisce informazioni sul traffico anche per giorni od orari differenti da quelli in cui stai effettuando la ricerca. Così, se ad esempio stai organizzando una partenza per il giorno dopo, puoi già consultare il tragitto più veloce in base al traffico stimato.

Dopo aver cliccato su “ottieni indicazioni” ed inserito luogo di partenza e di destinazione, noterai che sotto al riquadro vi è la scritta “partenza adesso”. Fai clic sulla freccia rivolta verso il basso accanto alla scritta, quindi seleziona “Partenza ” o “Arrivo entro le” per visualizzare le condizioni di traffico probabili e il totale di viaggi stimati per qualsiasi giorno e ora specifici.

10 – Aggiungi destinazioni extra o “tappe” nelle tue indicazioni

Sapevi che puoi inserire diverse destinazioni o creare un percorso “a tappe”? Per farlo, tocca il pulsante “Indicazioni stradali”, digita il punto di partenza e poi inserisce la prima destinazione (o tappa). Dopodiché, clicca la piccola icona del menu a tre punti sulla destra e seleziona “Aggiungi fermata” dal menu che appare.

Otterrai quindi un terzo campo in cui puoi inserire un’altra destinazione e, quando la riempirai, verrà visualizzata l’opzione per una quarta destinazione. Puoi anche trascinare e rilasciare le destinazioni per riordinarle secondo necessità.

Puoi aggiungere tutte le soste in più necessarie al tuo viaggio e puoi trascinare e rilasciare le destinazioni con il mouse per cambiare il loro ordine.

11 – Misura la distanza tra più punti

Vuoi pianificare la tua corsa mattutina, o forse solo sapere esattamente quanto lontano devi viaggiare in un particolare viaggio? Puoi misurare con precisione la distanza tra due o più punti, fino al secondo decimale.

Sul telefono, tocca e tieni premuto il dito sul punto di partenza. Questo farà apparire un pin rosso insieme a una barra bianca che mostra più informazioni sulla posizione. Scorri verso l’alto sulla barra e seleziona l’opzione “Misura distanza”, quindi utilizza il dito e l’icona blu più per trovare e selezionare il secondo punto. Ripeti tutte le volte necessarie per misurare il percorso completo.

Sul computer, fai clic con il pulsante destro del mouse sul punto di partenza e seleziona “Misura distanza” dal menu visualizzato, quindi fai clic su ciascun punto successivo nel tuo percorso per ottenere le misurazioni.

12 – Risparmia tempo con i gesti avanzati

Infine, di seguito troverai le Gesture per smartphone di Google Maps che ti consentiranno di utilizzare l’app nel modo più veloce possibile.

  • Per ingrandire o ridurre una mappa con una sola mano, tocca due volte e poi, senza alzare il dito, scorri verso l’alto o verso il basso sullo schermo.
  • Fai ruotare una mappa per cambiare orientamento posizionando l’indice e il pollice sullo schermo e ruotandoli contemporaneamente verso sinistra o verso destra.
  • Sposta la tua prospettiva posizionando due dita su una mappa e facendole scivolare verso l’alto sullo schermo. Questo ti porterà in una vista “cavalcavia” di qualsiasi area tu guardi, completa di edifici tridimensionali in molti posti.

Potrebbe interessarti conoscere qual è il migliore navigatore GPS per i dispositivi Android. Potrai scoprirlo in questa guida.

Condividi.

Informazioni autore

Laureato in Giurisprudenza e amante della scrittura. Da sempre appassionato di tecnologia e in particolare al mondo degli Smartphone. Da qualche anno esterna questa sua passione scrivendo sul web.

Articoli Correlati

Lascia un commento

avatar
  Iscriviti  
Avvisami