Da Gmail generare direttamente voci su Google Calendar

0

Google in quest’ultimo periodo sta favorendo una maggiore integrazione tra le sue applicazioni, in particolare tra quelle di produttività. Gli utenti di GMail ora possono generare automaticamente le voci di Calendario direttamente dall’applicazione di posta elettronica GMail. In questi giorni Google ha sviluppato una nuova funzionalità di Gmail, che consente agli utenti di creare con facilità le voci di Google Calendar dai loro messaggi di posta elettronica. Adesso GMail rileva data e ora contenuti nel testo dei messaggi di posta elettronica e li mette in evidenza su Google Calendar.

calendar 2

La funzione è intuitiva, facendo clic sul testo evidenziato, si apre una finestra pop-up per la configurazione di quell’elemento in Google Calendar. Il processo di creazione e modifica della voce di Calendario avviene tutto all’interno di GMail. La nuova voce di Calendario conterrà automaticamente il link della mail da cui è stato creato. La nuova funzionalità verrà implementata la prossima settimana per tutti gli utenti di GMail della versione in lingua inglese, così come per gli utenti business che utilizzano Gmail come parte della più ampia suite Google Apps cloud. Per le versioni di GMail non in lingua inglese e quindi anche italiana, nel suo blog, Google ha scritto che prevede di aggiungere la funzionalità in un secondo momento. Questa nuova funzione ha lo scopo di aumentare la convenienza di utilizzare Calendar, che storicamente non è stato adeguatamente considerato dagli utenti come lo è stato per GMail, di gran lunga il più popolare tra le applicazioni di Google. Con l’integrazione più stretta tra Gmail e Calendar, Google sta cercando di aumentando i suoi sforzi allo scopo di attirare gli utenti di Microsoft Outlook. Google vorrebbe che gli utenti di GMail utilizzassero la sua Applicazione Calendario, anziché il client di Outlook, che è diventata la vera alternativa a GMail.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here