Abbiamo assistito, in questi ultimi anni, ad una evoluzione incredibile nel settore dell’ascolto musicale. Dai supporti in vinile siamo passati all’era dell’audiocassetta che ha introdotto per la prima volta il concetto di compilation e playlist personalizzate. L’evoluzione è proseguita con l’introduzione dei CD musicali per arrivare, al tempo di internet, ai formati digitali con la compressione in formato MP3 da scaricare ed ascoltare su vari supporti digitali. Abbiamo superato anche questo, perché oggi la forma più utilizzata sono i servizi di streaming musicale, ascoltare musica direttamente on-line.

Tutte le maggiori azienda di tecnologia hanno in catalogo un’offerta di musica in streaming on-demand, con leggere variazioni per caratteristiche e costi. Alcuni servizi musicali in streaming sono gratuiti e quindi non richiedono alcun impegno economico – per esempio, SoundCloud o Amazon Music (per abbonati Prime). Altri prevedono un abbonamento mensile che consentono di ascoltare tutta la musica che vuoi.

Streaming musicale: i migliori servizi

Dopo aver visto come scaricare musica e come scaricare musica gratis, in questo articolo vediamo quali sono i migliori servizi di streaming musicale. Vogliamo entrare nel mondo della musica in streaming e capire come funziona e quali sono i costi.

Spotify

Spotify è attualmente la migliore opzione disponibile per il servizio di streaming musicale on-demand e quando questo servizio è arrivato in Italia, lo streaming di musica era ancora una novità. Ora che Apple ha lanciato Apple Music con notevole successo, possiamo dire con certezza che l’era della musica in streaming è finalmente realtà.

streaming musicale spotifyPoi c’è Spotify, che cavalca la linea del servizio gratuito con banner pubblicitari, sia sul desktop che sui dispositivi mobile. L’opzione gratuita prevede alcune limitazioni, ma ti consente di ascoltare tutta la musica che vuoi in streaming. Può essere utile per testarne la qualità.

Se non hai mai sottoscritto o utilizzato un servizio di streaming musicale on-demand, il nostro consiglio  è quello di provare Spotify, che se viene tollerata la pubblicità, il servizio è gratuito e solo dopo deciderai se abbonarti anche per l’ascolto offline.

Solo dopo a Spotify viene il servizio di Apple Music, che è estremamente promettente, ma manca ancora di alcune funzionalità.
Non solo Spotify è l’opzione migliore, ma è il servizio che ha meno probabilità che possa concludere il suo ciclo in tempi brevi. Puoi anche decidere di passare a un altro servizio di streaming musicale, ma non perché questo non lo hai trovato valido.

Il servizio Spotify, tra le altre caratteristiche, offre musica in streaming on-demand, radio su Internet e le playlist create dall’utente. Su Spotify non troverai la musica di Taylor Swift, ma troverai quasi ogni altro artista che è disponibile allo streaming su tutti gli altri servizi.

Spotify è disponibile lo streaming gratuito sul desktop del tuo computer oppure su qualsiasi dispositivo mobile scaricando le app sia iOS che Android. Con la versione Premium al prezzo di 12.99€ al mese beneficerai di alcune funzionalità aggiuntive, come l’ascolto dei brani in modalità offline oppure lo streaming senza banner pubblicitari e la qualità audio elevata. Prova gratuita per 30 giorni.

Apple Music

Apple Music è il servizio di musica in streaming per i fans di Apple da utilizzare sui dispositivi Mac, iPhone e iPad.

streaming musicale apple musicApple Music è un servizio nuovo e fresco per gli amanti di musica, ma è ancora incompleto. Tutte le funzioni essenziali sono presenti, ma molti dettagli minori devono essere migliorati e modificati, anche se è un prodotto in continua evoluzione.

Per esempio, le copertine degli album che in iTunes musica vengono visualizzate  scorrendo da sinistra a destra per visualizzare più selezioni. All’interno dell’applicazione di Apple music, però, gli album visualizzati in maniera analoga, non consentono di scorrere a sinistra e a destra per mostrare più selezioni. Questa incoerenza può essere fonte di confusione.

In Apple Music non esiste una versione free, il costo è di 9.99€ al mese per l’accesso allo streaming musicale on-demand individuale, oppure di 14.99€ al mese per un piano famiglia con un massimo 6 persone. Apple attualmente offre una prova gratuita di tre mesi che potrebbe essere utile per capire se l’applicazione musicale va bene per te. Apple ha inserito anche un altro piano, quello per studenti, che prevede un abbonamento mensile di soli 4.99€. Mentre con un abbonamento annuale, puoi usufruire del servizio Apple Music per 12 mesi al prezzo di 10.

L’applicazione musicale di Apple è disponibile non solo per i dispositivi iOS, Mac ma anche per Android. Apple ha oltrepassato le linee nemiche ed ha aperto il suo servizio di streaming musicale agli utenti Google. Apple Music per Android mantiene la maggior parte delle parti buone dell’app originale iOS. Tuttavia, sono riportati anche gli stessi difetti, ma va detto che senza il supporto dell’ecosistema Apple, Apple Music è meno attraente su Android che sui dispositivi mobili di Apple.

La versione iOS di Apple Music è in realtà una delle ragioni per cui sono così entusiasta del servizio. Amo la sezione Per Te e la sezione dedicata alla nuova musica. La personalizzazione Per Te non è altra che perfetta con le sue raccomandazioni uniche. Inoltre, la scheda Novità è un ottimo modo per trovare le ultime canzoni e gli album di cui si sta molto parlando in questo momento.

Google Play Music

Google Music è stato realizzato inizialmente per gli utente dei dispositivi Android, ma è un servizio non utilizzato abbastanza e proprio non riesce ad ottenere il riconoscimento che merita.

streaming musicale Google musicGoogle Play Music, è uno dei servizi musicali più interessanti disponibili in questo momento. Offre cloud storage gratuito per caricare la tua biblioteca personale, in modo da poter memorizzare musica scaricata o musica acquistata e in streaming a costo zero. Ma se vuoi ulteriori funzioni, hai la possibilità di abbonarti con due diversi piani, quello personale al costo di 9,99€ al mese e quello familiare (con massimo di 6 persone) al prezzo di 14,99€. I piani a pagamento prevedono la funzione radio, puoi passare da un brano all’altro quando vuoi, ascoltare la musica senza pubblicità o interruzioni, scaricare la musica anche offline.

L’applicazione musicale di Google per dispositivi AndroidiOS è proprio bella da usare. Il material design è perfettamente adatto e tutte le funzioni sono facili da trovare e utilizzare. Il problema è che le funzioni come playlist e condivisione non sembrano essere una priorità per Google.

SoundCloud

SoundCloud è diventato un punto fermo tra i servizi di musica da ascolto gratuita e si può paragonare a YouTube con l’equivalente audio. YouTube ospita i video e rende più facile la condivisione – SoundCloud lo fa per la musica, per i podcast e altri contenuti audio.

streaming musicale souncloudPoichè SoundCloud è una soluzione hosting di audio, la quantità di brani disponibili varia notevolmente e di solito comprende anche alcuni brani caricati illegalmente. Comunque, la quantità di musica illegale è notevolmente diminuita nel corso degli ultimi anni.
SoundCloud per iOS e Android può essere eccessivamente minimalista, ma è una bella applicazione. Quello che caratterizza SondCloud è la possibilità per gli utenti di commentare le varie sezioni, che a volte può rivelarsi anche fastidioso. Se non accetti la pubblicità mentre ascolti musica in streaming, puoi passare a SoundCloud Go, la versione in abbonamento al prezzo da 5,99$ a 12,99$ al mese.

Per questo è stata realizzata una nuova app SoundCloud Pulse per iOS e Android nata come compendio dell’app principale. Pulse consente di rispondere o cancellare commenti, pubblicare nuovo materiale, ottenere statistiche di ascolto, seguire o bloccare utenti.

SoundCloud non può ancora essere un concorrente Spotify, ma è un modo conveniente per immergersi nella scena musicale underground. E’ molto interessante per alcuni generi musicali, come EDM, a causa della sua natura indipendente.

Deezer

Deezer tra i primi servizi al mondo dello streaming musicale, con 26 milioni di utenti in oltre 180 paesi, vuole ripercorrere la strada del concorrente Spotify, di finanziare attraverso la pubblicità l’ascolto di brani musicali, offrendoli gratuitamente agli utenti del web. Abbiamo già parlato di Deezer in questo articolo in modo più approfondito.

streaming musicale deezerDeezer è un servizio multipiattaforma, disponibile per PC, tablet e smartphone con modalità e prezzi diversi ed è compatibile con le versioni per iOS, Android, Windows Phone.

La registrazione al servizio è totalmente gratuita, favorita dalla presenza di spot pubblicitari che consentono l’ascolto della musica gratuita e senza limiti su computer e tablet ma soltanto dal web.

Se preferisci un servizio privo di pubblicità, devi attivare la forma a pagamento ed il costo dell’abbonamento Deezer Premium+ Italy è di 12,99 euro al mese, con la possibilità di provarlo per 30 giorni gratis. Deezer Premium ti consente anche di attivare la modalità “offline”, molto utile in aereo o all’estero, perché non necessita della connessione internet.

Non solo streaming musicale. In quest’altra guida potrai scoprire come scaricare musica gratis da internet

Condividi.

Informazioni autore

Ingegnere Informatico laureato presso il Politecnico di Milano. Appassionato di tecnologia e programmazione. Esperto e utilizzatore dei prodotti Apple ma anche di Android e Linux.