Come recuperare telefono Android se non si avvia

0

Il tuo smartphone Android non si avvia più? Probabilmente il telefono è andato in bricked, un termine che viene usato quando il telefono ha subito un danno serio e sembra morto, non si avvia più. Hai flashato una ROM, installato una mod, ottimizzato un file system, hai fatto qualcosa del genere causando il problema, ed il telefono non si avvia. Ora starai cercando il modo di recuperare telefono Android che non si avvia. Niente panico, è quasi certamente risolvibile, dipende tutto da come è andato in bricked.

  1. Soft brick. Il telefono si è bloccato nella schermata di avvio di Android, rimane bloccato e si avvia in continuazione. Oppure semplicemente in fase di caricamento del sistema va direttamente in modalità recupero. Fino a quando succede qualcosa in fase di accensione, questa condizione si chiama soft brick. La buona notizia è che questo problema è piuttosto facile da risolvere.
  2. Hard brick. Premi il pulsante di accensione e non succede nulla, il telefono non si avvia. In questo caso abbiamo un hard brick, e può essere stato causato da procedure come il tentativo di flashare una ROM non compatibile o un kernel, e non c’è normalmente alcuna soluzione software per questo tipo di problema. Gli hard brick sono in genere una cattiva notizia, ma per fortuna sono molto rari.

Probabilmente ti trovi nelle condizioni di avere un dispositivo soft brick. Ci sono diversi modi di funzionamento dei telefoni Android e questo rende difficile considerare tutte le soluzioni per recuperare telefono Android se va in soft brick. Proponiamo quattro trucchi che puoi provare per far tornare in vita il telefono:

  • Cancella i dati, poi fhash di nuovo una ROM personalizzata.
  • Disattiva la mod Xposed attraverso recovery.
  • Ripristina un backup Nandroid.
  • Flash un’immagine di fabbrica.

Prima di iniziare ad utilizzare queste procedure per recuperare telefono Android, assicurati che il telefono e il computer siano configurati e pronti con i tool adeguati.

Cosa serve per recuperare telefono Android se non si avvia

Probabilmente sei già in possesso della maggior parte degli strumenti necessari per recuperare telefono Android che è andato in bricked. Sono gli stessi strumenti che hai utilizzato per ottenere i permessi di root del tuo dispositivo e per Flashare una ROM, e probabilmente avrai anche familiarità con il loro funzionamento.

Il tool più importante è una recovery personalizzata. Questa viene installata quando si ottengono i permessi di root sul telefono, ma può essere stata sovrascritta durante l’installazione di una ROM originale, oppure non è più presente a causa di un problema. Se hai bisogno di reinstallarla ti consiglio di utilizzare TWRP Recovery. Leggi la guida su come installare TWRP Recovery. Si tratta di una recovery personalizzata molto facile da usare e funziona sui dispositivi Android più popolari.

Il prossimo tool necessario è Fastboot e ADB. Questo è comunemente utilizzato per sbloccare la root e per flashare mod di sistema e si può scaricare dal sito Android Developers.

Infine, alcuni produttori utilizzano software specializzati per flashare immagini di fabbrica. Speriamo si possa evitare di fare questa procedura, ma se è necessario si possono utilizzare Odin per Samsung, il LG Flash Tool per flashare i dispositivi LG, e HTC Sync Manager per i dispositivi HTC.

1. Pulire dati e flshare una ROM personalizzata

Prova questo metodo se: hai flashato una ROM e ora Android non si avvia.

Una delle cause più probabili di soft brick del tuo telefono è quando esegui il flash di una ROM personalizzata ed il procedimento non va per il verso giusto. Una delle cause più probabili è che prima non hai cancellato i dati.

Spesso questo modo di procedere viene definito come “flash sporca”, e succede quando si sceglie di rinunciare al fastidio di dover ripristinare le applicazioni e i dati, facendo flashare una nuova ROM su una vecchia. Come regola generale, si può farla franca se stai flashando una versione più recente della tua ROM esistente, ma si deve sempre cancellare i dati ogni volta che si esegue il flash di una ROM diversa.Fortunatamente questa è un condizione facile da risolvere se hai eseguito il backup di tutti i dati in modo corretto. Se non lo hai fatto, beh, hai imparato una lezione importante nel modo più duro.

  • Avvia la recovery personalizzata.
  • Naviga nell’opzione Wipe e scegli Advanced Wipe.
  • Seleziona la casella Data (si deve pulire il sistema, la cache ART e di nuovo la cache), quindi Conferma.
  • Re-flasha la tua ROM personalizzata.

Pulendo i tuoi dati, esegui effettivamente un reset di fabbrica, ma la procedura non dovrebbe svuotare la memoria interna o la scheda SD (anche se, ancora una volta, è necessario eseguire il backup per essere sicuri). Quando si riavvia il telefono, vedrai la schermata di configurazione di Android. Dopo aver inserito le informazioni dell’account di Google, le applicazioni dovrebbero iniziare a reinstallarsi automaticamente.

Se è necessario, potrai ripristinare i dati dal backup Nandroid. Di seguito vedrai il procedimento per il ripristino di un Backup Nandroid.

2. Disabilitare Xposed Modules in recovery

Prova questo metodo se: ottieni avvii ciclici dopo l’installazione di un nuovo modulo Xposed.

Xposed Framework è uno dei migliori tool per il modding del telefono, ma è anche uno dei più pericolosi. I moduli Xposed sono così facili da installare – molti di loro sono disponibili nel Play Store – che ci si culla di un falso senso di sicurezza. È improbabile che qualcuno faccia un backup Nandroid prima di installare un nuovo modulo Xposed, anche se possono mandare in bricked il telefono.

Utilizzare ADB Push per installare il programma di disinstallazione Xposed

Il modo migliore per affrontare questi problemi è quello di utilizzare Xposed Uninstaller. Si tratta di un piccolo file zip flashabile che per rimuovere i moduli Xposed dal dispositivo puoi  installarlo attraverso recovery.Se questo file non lo hai già sul tuo telefono, puoi metterlo su una scheda SD o puoi copiarlo utilizzando il metodo ADB Push:

  • Scarica il programma Xposed Uninstaller sul desktop del tuo computer.
  • Collega il telefono al computer tramite USB e avvia in recovery.
  • Dalla recovery, abilita la modalità di trasferimento dati e trasferisci il file appena scaricato sul telefono.
  • Flash questo file tramite la funziona di Install zip.

Come disinstallare i moduli Xposed in recovery

Se non è possibile utilizzare ADB Push, prova una di queste soluzioni.

a) Questo metodo disabilita Xposed:

  • Avvia il telefono in recovery, passa in Advanced > Terminal command.
  • Crea un file chiamato /data/data/de.robv.android.xposed.installer/conf/disabled
  • Riavvia il telefono.

b) Questo metodo impedisce l’avvio di Xposed:

  • Avvia in recovery, seleziona File Manager
  • Passa alla cartella /data/data/de.robv.android.xposed.installer/conf/ quindi elimina il file modules.list
  • Riavvia il telefono.

Con nessuna di queste soluzioni verranno annullate le modifiche dei moduli apportate al sistema. Se quest’ultima è la causa del problema, dovrai ripristinare il backup Nandroid.

3. Ripristinare un Nandroid Backup

Prova questo metodo se: è necessario rimuovere altri mod di sistema o se i metodi di cui sopra non hanno funzionato.Il backup Nandroid è la rete di sicurezza per i mods e tweaks Android. Si tratta di una fotografia completa del telefono, non solo dei dati e delle applicazioni, ma del sistema operativo stesso. Fino a quando è possibile accedere alla recovery personalizzata e avere una copia di backup Nandroid, sarai in grado di ottenere il tuo telefono attivo e funzionante:

  • Avvia in recovery e vai in Restore
  • Seleziona il backup, conferma e attendi mentre si ripristina.
  • Riavvia il telefono.

I Nandroid backup comportano un po’ di fatica per farli. Prendono un po’ di tempo e non possono essere fatti in background. Ma ne vale la pena: è il modo più semplice per sbloccare il telefono.

Recuperare dati da un Nandroid Backup

Un Nandroid backup può anche salvarti la pelle se si dovessero cancellare i dati e non hai una copia di backup in una forma facilmente ripristinabile. È possibile estrarre parti specifiche di un Nandroid, in modo da poter ripristinare le applicazioni e i dati senza la necessità di ripristinare anche il sistema operativo.

  • Avvia Android ed installa Titanium Backup dal Play Store.
  • Clicca sul pulsante menu e naviga in Special Backup/Restore > Extract from Nandroid Backup.
  • Seleziona il backup dall’elenco.
  • Scegli se ripristinare le applicazioni, i dati, o entrambi, e selezionale (o premi Seleziona tutto)
  • Tocca l’icona segno di spunta verde per avviare il processo di ripristino.

4. Flashare una Factory Image

Prova questo metodo se: nessun delle altre opzioni ha funzionato.

Se tutti gli altri metodi per recuperare telefono Android falliscono, l’opzione finale è quella di re-flashare un’immagine di fabbrica. Questa procedura ripristina il telefono allo stato originale e formatterà la memoria interna del telefono, così come tutto il resto. Cancellerà anche i permessi di root sul telefono.

Considerato che questo processo cancellerà tutto, prima potrai cercare di flashare una ROM stock (originale). Per esempio, OnePlus per il recupero del telefono offre ROM aggiornabili mediante flash piuttosto che utilizzare una factory images, e troverai delle procedure simili per quasi tutti i dispositivi su xda-developers.com. In molti casi, sarai in grado di flashare una ROM stock pre-rootata per una maggiore comodità.Flashare un’immagine di fabbrica si differenzia da flashare una ROM dal fatto che quest’ultima avviene tramite una connessione al computer piuttosto che attraverso la recovery. Alcuni dispositivi utilizzano il tool Fastboot della SDK di Android, ma altri usano software personalizzati. Samsung utilizza lo strumento Odin, per esempio, mentre HTC utilizza HTC Sync Manager.

A causa dei diversi metodi utilizzati, le istruzioni per flashare un’immagine di fabbrica è diversa per ciascun dispositivo. E non tutti i produttori mettono a disposizione il loro firmware pubblicamente, quindi devi trovarli su fonti non ufficiali.

Ecco dove trovare factory images per alcune marche Android più popolari:

Che dire se è hard brick?

In primo luogo assicurati che il telefono sia bricked – collegalo e lascialo caricare per un po’. Tenta di ripristinarlo togliendo la batteria o tenendo premuto il pulsante di accensione per 10-15 secondi.

Se il telefono risulta definitivamente hard brick, allora sei proprio sfortunato e potrebbe essere difficile recuperare telefono Android. Alcuni telefoni possono essere ripresi con una micro USB Jig, un piccolo dispositivo che si collega alla porta USB e mette il telefono in modalità download per reinstallare il firmware stock. Questi possono essere trovati a buon mercato su Ebay, ma funzionanti solo per un numero molto limitato di dispositivi, ed anche in questo caso non c’è alcuna garanzia che possa funzionare.

Oltre a ciò, potrebbe essere necessario inviare il telefono in riparazione per recuperare telefono Android (anche se i permessi di root sul telefono probabilmente annullato la garanzia), oppure cerca un riparatore di telefoni locale. Ma molto probabilmente dovrai acquistare un nuovo telefono.

CONDIVIDI