Navigazione in incognito Android: come attivarla sui dispositivi

Hai la necessità di navigare in incognito su Internet senza lasciare alcuna traccia dei siti che visiti sullo smartphone o tablet? Allora ti farà piacere scoprire che su Android puoi attivare la navigazione in incognito sia utilizzando Google Chrome sia utilizzando delle app specifiche. Navigando in internet e aprendo una nuova scheda in incognito non dovrai più temere che qualcuno possa spiare la tua attività di rete, perché la cronologia e i dati d’accesso ai siti non verranno registrati mentre navighi in questa modalità. Ma basta questo per essere al sicuro?

In questa guida scopriamo insieme tutti i metodi più efficaci per attivare la navigazione in incognito Android dal tuo smartphone o tablet, anche quelli per nascondere il tuo IP.

Navigazione in incognito Android

Ogni browser possiede la funzione per la navigazione in incognito anche su dispositivi mobili, però è importante chiarire alcune cose e sgombrare il campo di alcune illusioni. Navigare in incognito tramite i normali browser non significa nascondere la propria identità ai server remoti. Prosegui a leggere per scoprire di più su questo argomento.

Alcune cose da sapere

Quando entriamo dal browser in qualsiasi pagina web, ci presentiamo con il nostro indirizzo IP pubblico che ha assegnato l’operatore telefonico al nostro modem router.
Se vuoi fare una prova, basta andare su questa pagina e scoprirai che l’indirizzo IP che viene visualizzato è quello che ci è stato assegnato dal provider Internet che stiamo utilizzando.

Anche quando effettuiamo una navigazione in incognito dal nostro browser, al momento della connessione questa non nasconde l’indirizzo IP pubblico che ci è stato assegnato dall’operatore telefonico. Quindi, anche se navighiamo su internet attivando la navigazione in incognito, i server remoti ai quali andiamo a collegarci durante la connessione, “leggeranno” sempre l’IP pubblico che ci è stato attribuito dal provider, sia in maniera statica o dinamica.

Allora, a cosa serve navigare in incognito? Subito spiegato. Quando andiamo ad aprire una scheda di navigazione in incognito, andiamo ad attivare una nuova sessione di navigazione che ci consentirà di consultare i siti e le pagine web senza lasciare tracce sul sistema che stiamo utilizzando (Pc o smartphone).
Nel momento in cui chiudiamo la finestra del browser che abbiamo aperta nella modalità in incognito, i dati memorizzati durante la visita al sito web, saranno definitivamente rimossi. Quindi, prima di avviare una navigazione privata, è bene avere conoscenza di cosa andiamo incontro.

Navigazione in incognito con Google Chromenavigazione in incognito

Con Google Chrome puoi attivare la navigazione in incognito utilizzando il menu presente in alto a destra (a forma di tre puntini) e facendo tap sulla voce Nuova scheda in incognito.

La schermata del browser Chrome diventerà nera, a confermarci che stiamo navigando in modalità incognito.

In questa modalità il browser non memorizza la cronologia, non utilizza i cookie presenti in modalità normale e non memorizzerà nemmeno le credenziali utilizzate (non appena esci dalla modalità incognito perderemo l’accesso ai siti utilizzati in tale modalità). Come primo passo per la navigazione in incognito non è niente male, considerando anche che il browser Chrome è ormai integrato nella stragrande maggioranza dei dispositivi Android.

NOTA: attenzione, perchè questa modalità non nasconde l’IP pubblico del tuo dispositivo, quindi rimarrai comunque tracciabile dall’operatore di telefonia (ISP).

Nel caso il tuo dispositivo sia sprovvisto di Google Chrome pre-installato, puoi installarlo gratuitamente utilizzando il seguente link:

DOWNLOAD | Google Chrome

Navigare in incognito con la rete Tor

Se vuoi mascherare completamente l’indirizzo pubblico (IP) assegnato dall’operatore telefonico, devi affidarti ad altre soluzioni. Per esempio, la rete Tor (The Onion Routerè una delle soluzioni più efficaci da usare. Questa tecnologia è basata su un’architettura a strati. La rete Tor è composta da nodi, e prima di raggiungere il server di destinazione, su questi nodi vengono applicati altre cifratura sui dati in transito.

L’utilizzo della rete Tor, in grado di mascherare anche l’indirizzo IP pubblico del tuo dispositivo, è utilizzabile anche dai dispositivi Android.

Tor è la tecnologia più conosciuta e utilizzata per rendere la navigazione anonima. E’ basata su un complesso sistema di indirizzamento dei pacchetti, che rende molto difficile il tracciamento.

Per sfruttare questo metodo, scarica le app gratuite disponibili ai seguenti link.

DOWNLOAD | Orfox: Tor Browser

DOWNLOAD | Orbot: Proxy with Tor

Utilizzare la rete Tor su Android non è difficile: avvia Orbot e seleziona Avvio.

Dopo un po’, il simbolo al centro diventerà verde e potrai navigare in incognito utilizzando il browser Orfox, una versione modificata di Mozilla Firefox.

Utilizzando questo browser, sarà praticamente impossibile tracciare cosa stiamo facendo sullo smartphone o sul tablet, potendo effettuare ricerche anonime in tutta tranquillità. Al termine dell’utilizzo basterà chiudere Orfox e riaprire Orbot per disconnettersi dalla rete Tor.

La rete Tor è tra le più sicure per garantire il nuo anonimato e se hai deciso di utilizzarla anche su computer, ti consiglio di leggere la guida che abbiamo preparato per aiutarti a navigare sul web senza essere tracciato: Come navigare in incognito su Pc e Mac.

Navigazione in incognito con una VPN

Vuoi ottenere una navigazione in incognito ancora più efficace? La rete Tor è troppo lenta per le tue necessità e desideri navigare velocemente anche quando sei in incognito? Non ti resta che utilizzare una VPN sul tuo dispositivo Android. I migliori servizi gratuiti sono già stati recensiti su questo sito, ti basterà cliccare sul seguente link per continuare la lettura.

LINK | VPN gratuite per Android: guida completa

Cos’è una VPN? I servizi VPN (Rete Virtuale Privata) hanno il compito di deviare il traffico internet attraverso dei server remoti, situati in altri paesi, così che i siti visitati non possano riconoscere la tua vera posizione per bloccarti. Con questo servizio navigherai assolutamente in incognito, senza essere rilevati dalla rete, nascondendo anche il paese di provenienza del contatto. L’inconveniente dei servizi VPN è che questi hanno una larghezza di banda limitata e non possono essere utilizzati per un numero illimitato di volte. Dopo tale periodo, è necessario abbonarsi con dei canoni mensili.

Condividi.

Informazioni autore

Da sempre appassionato di scrittura, ho unito questa mia passione al mio sapere di conoscenza, specie in campo tecnologico. Grande appassionato di Android e Linux. Nel tempo libero testo senza sosta nuove soluzioni per il multimediale da salotto.

Articoli Correlati

Lascia un commento

avatar
  Iscriviti  
Avvisami