Recensione dello Xiaomi Redmi Note 5A e prova d’uso

0

Xiaomi è stata definita da molti la Apple cinese. Questo appellativo deriva dalla cura nei dettagli che ripone Xiaomi in ogni prodotto che commercializza. Questo aspetto lo si può trovare sia nello smartphone top di gamma ma anche nei dispositivi entry-level. È questo il caso del nuovo Xiaomi Redmi Note 5A, uno smartphone commercializzato da poche settimane dalla casa cinese. Noi lo abbiamo provato e qui ti proponiamo la recensione dello Xiaomi Redmi Note 5A.

Quello che contraddistingue l’ultimo smartphone della gamma Redmi Note di Xiaomi è il prezzo, altamente contenuto, coadiuvato da un design particolarmente curato ed un hardware in linea con la sua fascia di mercato. Nelle scorse settimane ho avuto modo di testarlo in maniera approfondita ed in questo articolo vorrei condividere con te le mie considerazioni.recensione dello Xiaomi Redmi Note 5A 1

Xiaomi Redmi Note 5A puoi acquistarlo su Gearbest al prezzo di 136€. Ma GearBest ha dato la possibilità ai lettori di Guideitech di acquistare questo dispositivo ad un prezzo scontato. Utilizzando il codice sconto: JSMTA, puoi averlo al prezzo scontato di 117€ (sconto limitato ai primi 150 acquisti).

Recensione dello Xiaomi Redmi Note 5A

Design e confezione di vendita

Iniziamo la recensione dello Xiaomi Redmi Note 5A partendo dal design. Essendo questo uno smartphone che non è stato commercializzato ufficialmente in Europa e America, la confezione di vendita dello Xiaomi Redmi Note 5A presenta scritte prevalentemente in cinese. Al suo interno troviamo lo stretto indispensabile, come da tradizione per i telefoni orientali. È presente, infatti, oltre allo smartphone, unicamente il caricatore da muro (con presa cinese) da 5V/2A ed un cavo di ricarica. Mancano un paio di auricolari, che dovranno essere acquistati a parte.recensione dello Xiaomi Redmi Note 5A 2

Lo Xiaomi Redmi Note 5A si presenta con un display da 5.5″. Non è un modello borderless, pertanto le due bande sopra e sotto il display contengono la fotocamera frontale (da ben 16MP), sensori vari (prossimità, luminosità) ed i tasti a sfioramento per controllare il sistema operativo (home, indietro e multitasking). Di fianco la fotocamera è stato collocato anche un comodo led RGB che si illumina per segnalarci la presenza di nuove notifiche.recensione dello Xiaomi Redmi Note 5A 3

Il frame laterale e la back cover (non rimovibile) non realizzati interamente in policarbonato. Anche se la lavorazione effettuata dà quasi la sensazione di tenere in mano un dispositivo in alluminio. Sul lato destro sono stati posizionati il bilanciere del volume ed il tasto di accensione. Sul lato opposto è presente il carrellino delle SIM, che può contenere due nano SIM più una scheda microSD. Superiormente è presente l’ingresso jack da 3.5mm mentre in basso l’altoparlante di sistema, il microfono e l’ingresso della ricarica, in formato microUSB.recensione dello Xiaomi Redmi Note 5A 4

Bello l’effetto stondato che dà una sensazione di continuità tra il frame laterale e la cover posteriore. Le due bande delle antenne creano simmetria sul retro, dove troviamo un sensore di impronte digitali ed una camera da 13MP con flash led. In generale, lo smartphone si tiene bene in mano e, nonostante la curvatura dei bordi, non risulta mai scivoloso. Si sarebbe potuto lavorare maggiormente sulle cornici laterali per renderlo più compatto, ma attualmente nessuna azienda ha presentato dispositivi senza bordi per il mercato entry-level.recensione dello Xiaomi Redmi Note 5A 5

Prestazioni hardware

Lo Xiaomi Redmi Note 5A si presenta con un processore octa-core, per la precisione, uno Snapdragon 435 con frequenza di clock di 1.4GHz. La parte grafica invece viene gestita dalla GPU Adreno 505. A questo bisogna aggiungere ben 3GB di RAM, che rendono molto piacevole l’esperienza di utilizzo dello smartphone. La memoria ROM è da 32GB con la possibilità di estenderla fino a 128GB con una microSD.

In tutte le attività più comuni non ho riscontrato alcun tipo di problema. La navigazione internet, l’utilizzo di social network ed app di messaggistica non creano rallentamenti e neanche lag sporadici. Siti web molto pesanti come il corriere, aperti in modalità desktop, non hanno avuto difficoltà ad aprirsi e anche durante il caricamento lo scroll della pagina è risultato fluido. Inoltre i 3GB di RAM vengono ben sfruttati e permettono di tenere in memoria le ultime applicazioni utilizzate.recensione dello Xiaomi Redmi Note 5A 6

I tempi di caricamento aumentano qualora si ha la necessità di avviare un’applicazione oppure un gioco che richiedono maggiori prestazioni. Nulla che renda l’esperienza di utilizzo frustrante. Anche perché al termine del caricamento, le applicazioni si lasciano utilizzare con piacere. Ad esempio, un gioco come Real Racing 3 ha impiegato circa 45 secondi per avviarsi (tempo necessario per arrivare alla schermata principale del gioco). Ma una volta caricato completamento, non ho riscontrato nessun tipo di rallentamento durante il gioco (né blocco ne micro lag, che invece erano presenti in altri smartphone entry-level che ho avuto modo di testare). Certamente la stabilità del sistema è data dall’ottimo lavoro effettuato dagli ingegneri di Xiaomi, che hanno saputo ottimizzare il sistema operativo alle caratteristiche del dispositivo.recensione dello Xiaomi Redmi Note 5A 7

Per quanto riguarda la ricezione, la ritengo la migliore su uno smartphone di questa categoria. È presente la banda 20, quindi non si ha nessun tipo di problema con le reti LTE. Laddove con altri smartphone avevo 2/3 tacche di segnale LTE, con lo Xiaomi Redmi Note 5A il segnale è sempre pieno. Inoltre la velocità della rete può spingersi fino a 300Mb in download e 150Mb in upload. Molto apprezzata la presenza del VoLTE, cioè la possibilità di effettuare chiamate sfruttando la rete LTE (questo si tramuta in una migliore qualità della chiamata). Il sensore di impronte digitali risulta veloce e preciso. Lo sblocco del telefono avviene in una frazione di secondo e nel test effettuato ha funzionato 10 volte su 10, non creando mai problemi con lo sblocco.

Display

Il display, come detto in precedenza, è una unità IPS da 5.5″ con risoluzione HD. In alcuni dettagli grafici, come le icone piccole colorate che segnalano la presenza di notifiche nella status bar, si avverte la mancanza del Full HD su un display così grande. Ma nell’utilizzo quotidiano questo limite non crea nessun tipo di problema. I colori sono brillanti e vivaci e sono stati calibrati in modo da riprodurre fedelmente le immagini. I bianchi non virano né verso il blu né verso il giallo, sintomo di una buona taratura del display. I neri, invece, non essendo assoluti come su un Amoled, se visti di taglio vengono ben gestiti e non sbiadiscono mai troppo, risultando in un colore tendente al grigio.

In generale sono rimasto particolarmente soddisfatto dal display, che si lascia apprezzare soprattutto dall’ottima interfaccia della MIUI (il sistema operativo di Xiaomi), che in tutte le schermate presenta colori accesi ed intensi. Peccato per la mancanza della risoluzione Full HD, che avrebbe certamente dato un tocco in più a questo comparto. Buona la gestione automatica della luminosità tramite l’apposito sensore ambientale. Da segnalare, invece, la possibilità di regolare manualmente temperatura colore e contrasto, potendo scegliere nel primo caso colori caldi, naturali o freddi mentre nel secondo caso un contrasto automatico, enfatizzato o normale. Il mio consiglio è quello di lasciare inalterate queste impostazioni, in quanto i valori di default sono più che ottimi.

Infine, la modalità lettura permette di rendere i colori del display più caldi durante la sera. Questo permette di riposare gli occhi e non affaticarli quando si utilizza lo Xiaomi Redmi Note 5A in presenza di poca luce. Questa impostazione può essere attivata manualmente, a orari prestabiliti oppure dal tramonto fino all’alba.

Sistema Operativo

Il sistema operativo dello Xiaomi Redmi Note 5A è il ben noto MIUI, basato su Android 7.1.1, presente in questo smartphone nella sua ultima versione: MIUI 9. Su questo aspetto bisogna fare una piccola premessa. Non essendo commercializzato al di fuori del territorio cinese, il sistema operativo può essere impostato o in lingua cinese oppure in lingua inglese. Inoltre, sono presenti molte applicazioni o servizi utilizzabili solo nel territorio orientale. Ma se conosci bene il mondo Xiaomi, saprai bene che in europa sono attive delle community, ufficialmente riconosciute da Xiaomi, che si occupano di tradurre il sistema operativo ed integrare tutti i servizi di Google come il Play Store. In Italia abbiamo il privilegio di avere una delle prime community Xiaomi, la MIUI Italia.recensione dello Xiaomi Redmi Note 5A 8

Questa premessa è doverosa ed è servita per spiegare che quando si riceve lo smartphone, la prima operazione da effettuare è installare la rom della MIUI in lingua italiana e con tutti i servizi di Google integrati. Prima di fare questa operazione è però necessario sbloccare il bootloader. Per farlo leggi questa guida.

Quando ho ricevuto il dispositivo per fare la recensione dello Xiaomi Redmi Note 5A, ho subito installato la MIUI 9 in lingua italiana. Avendo utilizzato anche quella in lingua cinese, posso assicurarti che viene mantenuta tutta la filosofia di Xiaomi, con in più la rimozione dei servizi inutilizzabili in Italia.

Se non hai mai utilizzato la MIUI, all’inizio potrebbe un po’ spiazzarti. I menù e l’interfaccia grafica è stata completamente personalizzata rispetto ad Android stock. Non è presente il menù delle app, che sono tutte collocate nella schermata home così come avviene su iPhone. L’obiettivo di questa recensione non è quello di fare una disamina della MIUI. Vorrei però evidenziarne la fluidità su questo dispositivo. Tra le funzionalità più interessanti ho trovato la possibilità di duplicare le applicazioni, così da poterle utilizzare con due account differenti. Ad esempio, duplicando l’app di WhatsApp, potremmo avere il noto servizio di chat attivo con due numeri differenti sullo stesso smartphone.

Dopo aver provato il dispositivo per effettuare questa recensione dello Xiaomi Redmi Note 5A, vorrei segnalarti un problema che potresti riscontrare utilizzando la MIUI. Per garantire una maggiore durata della batteria, molte applicazioni non funzionano in background. Questo comporta la non ricezione di alcune notifiche. Il sistema operativo dovrebbe riconoscere in automatico su quali app essere così aggressivo e su quali no. Ad esempio, non ho riscontrato nessun problema con WhatsApp. Su Telegram invece non ricevevo mai notifiche. Pertanto, sono dovuto andare in Impostazioni -> Notifiche -> Gestisci notifiche ed abilitare le notifiche a comparsa e sulla schermata di blocco per tutte le app indispensabili. Inoltre ho dovuto abilitare il loro aggiornamento in background andando in Impostazioni -> Batteria -> Gestisci utilizzo batteria delle app -> Scegli applicazioni e selezionando per ogni app “Nessuna limitazione“.

Multimedialità

Il comparto multimediale è un altro aspetto che mi ha colpito positivamente. L’ascolto della musica risulta piacevole ed il volume in uscita dall’unico speaker posizionato in basso è molto alto. Mancano un po’ i bassi ma è normale per un audio con un unico altoparlante. Anche il convertitore digitale-analogico che gestisce l’uscita jack funziona bene e la qualità con cuffie di fascia alta è notevole.

Perfetto l’audio in chiamata. Ho sempre sentito bene l’interlocutore, che a sua volta mi confermava della bontà del microfono. Xiaomi ha saputo fare un buon lavoro in questo comparto, rendendo il dispositivo completo e perfettamente utilizzabile anche nelle funzioni basilari del telefono. La riproduzione di video è buona. Peccato per la mancanza di uno schermo con maggiore risoluzione, che avrebbe reso il comparto multimediale ottimo.

Fotocamera

recensione dello Xiaomi Redmi Note 5A 9

Questa recensione dello Xiaomi Redmi Note 5A consente di evidenziare le due buone fotocamere anteriore e posteriore. I 16MP di quella anteriore penso servano solo a livello di marketing. La qualità infatti, se pur buona, non è altissima. Certamente sopra la media della categoria, ma non raggiunge la qualità delle fotocamere posteriori di pari risoluzione.

recensione dello Xiaomi Redmi Note 5A 10

Veloce la messa a fuoco della fotocamera posteriore, che gestisce bene i colori in condizioni di forte luminosità. Con poca luce invece gli scatti iniziano a perdere un po’ di dettagli. Se si effettua un po’ di zoom, in queste condizioni di luce le foto risultano sgranate in alcuni punti. In generale gli scatti sono buoni per essere condivisi sui social o con app di messaggistica, Un po’ meno se si vuole scattare una foto ricordo, a meno che le condizioni di luce siano perfette.recensione dello Xiaomi Redmi Note 5A 11

Batteria

La batteria montata sullo Xiaomi Redmi Note 5A è da 3080mAh. Sarà la risoluzione del display oppure l’ottimizzazione del sistema operativo, ma la durata che si riesce ad ottenere è davvero notevole. Con un utilizzo stress si riesce ad arrivare tranquillamente a fine giornata con ancora carica residua.

Utilizzando in maniera blanda il telefono (utilizzo social e chat) si riescono invece a coprire tranquillamente due giornate. Il sistema operativo permette di gestire in maniera granulare il comportamento di app e servizi, per ridurre gli sprechi ed avere una maggiore autonomia. Ai meno esperti non consiglio di addentrarsi in questi aspetti per non avere problemi di notifiche. I più smaliziati, invece, possono massimizzare le prestazioni dello smartphone anche dal punto di vista energetico.

Conclusioni

La recensione dello Xiaomi Redmi Note 5A è terminata, ed in sintesi possiamo dire che questo è un dispositivo che mi ha colpito e convinto sotto diversi punti di vista. Ottime le prestazioni e la fluidità del sistema. Il comparto multimediale è al di sopra della media della categoria. Peccato per il display, che seppur valido avrebbe potuto offrire di più, ma in questa fascia di prezzo è più che soddisfacente.

Se dopo questa recensione dello Xiaomi Redmi Note 5A il dispositivo ti ha convinto e sei interessato all’acquisto, su Gearbest è possibile ottenerlo al prezzo di 136€ e con soli 2€ in più puoi acquistarlo con la spedizione priority line, con consegna in 7-15 giorni in Italia. Non dimenticare però di utilizzare il codice scontoJSMTA, che ti consente di acquistare il dispositivo al prezzo scontato di 117€ (sconto limitato ai primi 150 acquisti). E’ disponibile anche il modello con 2GB di RAM e 16GB di memoria interna (e senza lettore di impronte digitali) al prezzo di 100€ utilizzando il codice sconto: RMIN5AIT (codice valido per i primi 100 acquisti).

CONDIVIDI
COMMENTO GENERALE
Design
Hardware
Display
Sistema operativo
Multimedialità
Fotocamera
Batteria
Articolo precedenteAggiornare Android su Huawei P9: guida completa
Articolo successivoCome registrare chiamate su Huawei

Ingegnere Informatico laureato presso il Politecnico di Milano. Appassionato di tecnologia e programmazione. Esperto e utilizzatore dei prodotti Apple ma anche di Android e Linux.