Recensione Vernee Thor E, ottima autonomia ma software da rivedere

0

Vernee è un’azienda cinese produttrice di smartphone che si è messa in mostra negli ultimi anni per la realizzazione di smartphone entry-level dalle buona caratteristiche. La società è relativamente giovane, quindi non può vantare un ampio numero di dispositivi nel suo catalogo. Uno degli ultimi prodotti ad essere stato commercializzato è il Vernee Thor E. Successore del Vernee Thor, offre una serie di caratteristiche che rompono con il passato per offrire una migliore esperienza all’utente finale. Dopo averlo provato, ho scritto la recensione Vernee Thor E che ti propongo di seguito.

Ho avuto modo di provare per qualche settimana il dispositivo che mi ha dato la possibilità di scrivere la recensione Vernee Thor E. Attualmente può essere acquistato su Gearbest al prezzo di 103€. con ribassi fino a 90€. Se stai valutando l’acquisto di questo smartphone, allora ti consiglio di continuare a leggere la nostra recensione Vernee Thor E completa.Recensione Vernee Thor E 1

Recensione Vernee Thor E: ottima autonomia ma sistema operativo ancora non all’altezza

Design e confezione di vendita

Il Vernee Thor E è uno smartphone caratterizzato da un design squadrato. Prendendolo in mano si ha quasi la percezione di impugnare un Huawei P9 lite. Anteriormente non è presente nessun tasto fisico ed il 90% della superficie è occupata dal display da 5” con risoluzione HD. Il posteriore invece presenta una back cover in policarbonato, con una fascia in vetro posta superiormente dove sono stati collocati la fotocamera (da 8MP con interpolazione a 13MP) ed il flash led. Non manca un sensore di impronte digitali per lo sblocco e l’altoparlante, collocato nella fascia inferiore della cover posteriore.Recensione Vernee Thor E 2

Sul lato sinistro sono presenti il bilanciere del volume ed il tasto di accensione / spegnimento. L’ingresso per la ricarica, in formato microUSB, è stato collocato sul lato inferiore mentre le cuffie possono essere collegate sul lato superiore. A sinistra, infine, troviamo lo slot per l’inserimento di due SIM oppure una SIM ed una microSD ed un tasto rapido che permette di attivare la modalità di risparmio energetico. Il design è anonimo ma il form factor ne permette un’ottima presa, permettendone anche l’utilizzo con una sola mano. Inoltre la cover posteriore non è particolarmente scivolosa. Quindi non è necessaria una cover per migliorare la presa dello smartphone. La confezione di vendita invece è molto essenziale: oltre allo smartphone è infatti presente unicamente il caricabatterie Fast Charger con uscita fino a 9V/2A oppure 12V/1.5A. Non manca la spilla per estrarre il carrellino delle SIM.

Prestazioni hardware

Per quanto riguarda il comparto tecnico, il Vernee Thor E è dotato di un processore Mediatek octa core MTK6753 a 64bit, affiancato dalla scheda grafica Mali-T720. La RAM a disposizione dal sistema operativo è di 3GB mentre lo spazio di archiviazione è di soli 16GB. Fortunatamente è prevista la possibilità di espandere la memoria interna tramite microSD fino ad un massimo di 128GB. Sebbene il processore sia un modello che è stato rilasciato da Mediatek 2 anni fa, riesce a svolgere egregiamente tutte le operazioni quotidiane. Utilizzare app di messaggistica come WhatsApp o Telegram, inviare email e navigare su Facebook non è un problema.

Superati i primi secondi di caricamento dell’app, l’interfaccia scorre in maniera fluida e senza particolari rallentamenti. Anche la navigazione web è soddisfacente, anche se ho potuto notare una serie di blocchi o rallentamenti quando ho avuto la necessità di visitare siti che richiedono un maggiore sforzo del processore. In generale si riesce a sfruttare lo smartphone per tutte le operazioni quotidiane mentre si deve avere pazienza quando si devono compiere operazioni più onerose.Recensione Vernee Thor E 3

Per quanto riguarda il reparto gaming, sono riuscito ad eseguire giochi come Real Racing 3 senza alcun tipo di problema. Ho provato altri smartphone entry-level che non riuscivano ad eseguire giochi con grafica 3D. Vernee Thor E invece non ha dato alcun tipo di problema. Nell’interfaccia del gioco non erano presenti tutti i dettagli grafici come riflessi o specchietti retrovisori, però si riesce a giocare senza interruzioni o rallentamenti di sorta. Leggermente basso il frame rate ma nulla di trascendentale. La scheda grafica dunque svolge egregiamente il suo lavoro anche quando è richiesta un minimo di potenza in più.

Infine, per quanto riguarda le antenne, è presente la connettività 4G con supporto a tutte le reti italiane. Purtroppo nell’esperienza quotidiana ho riscontrato una serie di problematiche. Ad esempio, in casa non riesco quasi mai ad agganciare il 4G. Cosa che invece altri smartphone fanno senza problemi. Inoltre una minima instabilità del segnale porta alla chiusura della chiamata dopo pochi secondi di conversazione. Laddove invece il segnale sia al massimo della potenza non ho riscontrato alcun tipo di problema. Il sensore di impronte digitali invece funziona molto bene. Riconosce sempre il polpastrello e lo sblocco avviene in una frazione di secondo.

Display

Il display è un’unità IPS da 5” con risoluzione HD. Queste caratteristiche portano ad una densità di pixel pari a 294ppi. In un mercato dominato da smartphone con risoluzione fullHD o 4K, i 720p possono risultare pochi. Se si confronta il display del Vernee Thor E con un altro di risoluzione maggiore, la differenza sarebbe visibile. Ma durante l’utilizzo quotidiano non si nota alcun tipo di problema. Anzi, a giovarne è la batteria ed il processore grafico, che devono gestire meno pixel ed in generale lo smartphone viene messo meno sotto pressione. L’interfaccia grafica è ben definita e si notano i pixel delle scritte solo ad una distanza di pochi centimetri.Recensione Vernee Thor E 4

Essendo un pannello IPS, i neri non sono assoluti ed anche guardando lo smartphone frontalmente si può notare come essi virino molto verso il grigio. I bianchi invece sono ben bilanciati e non virano né verso l’azzurro né verso il giallo. In generale non stiamo parlando di un display di fascia alta, ma i colori vengono ben gestiti ed anche di taglio non si nota alcuna alterazione. Sotto la luce diretta del sole, invece, si fa leggermente fatica a visualizzare l’interfaccia anche abilitando la gestione automatica della luminosità. Il sistema operativo permette di attivare la modalità notturna, molto utile per non affaticare la vista. Attivando tale modalità, l’interfaccia tenderà ai colori più caldi. Purtroppo non è possibile abilitarla automaticamente così come avviene su iPhone.

Sistema Operativo

Sul Vernee Thor E debutta VOS, il Vernee Operative System sviluppato internamente da Vernee. È una ROM basata su Android 7.0 stock, con alcune personalizzazioni aggiunte dalla casa produttrice. Uno degli aspetti positivi di questo sistema operativo è l’eliminazione dell’interfaccia grafica old-style dei dispositivi Mediatek, riscontrabile ad esempio nella fotocamera ed in altre app di sistema. Vernee ha modernizzato l’intero sistema, seguendo i canoni grafici del material design.

Tra le aggiunte che ho apprezzato maggiormente vorrei citare soprattutto la possibilità di poter utilizzare delle gesture per sbloccare lo smartphone, silenziare una chiamata oppure avviare la fotocamera. Purtroppo non è tutto oro quel che luccica. Essendo VOS alla prima release, non mancano i bug, alcuni dei quali molto fastidiosi. Parto da quello che mi ha detto maggiori fastidi: sono in molti, infatti, a riscontrare dei problemi con il microfono di sistema.Recensione Vernee Thor E 5

Attivando il comando OK Google, in fase di chiamata il microfono non viene attivato. Il risultato è che il nostro interlocutore non ci sentirà a meno di attivare e poi disattivare l’altoparlante. Disattivando OK Google, il microfono riprende a funzionare in chiamata. Però provando ad inviare un messaggio vocale su WhatsApp o Telegram, esso risulterà muto. Il problema non è hardware ma software. L’azienda è a conoscenza del bug ma ancora non è riuscita a risolverlo.

Un altro problema l’ho riscontrato con DuraSpeed, un servizio che dovrebbe ottimizzare la durata della batteria. Esso va ad intervenire sulle app in background, provocando, a volte, un ritardo nella ricezione delle notifiche. Ho cercato di disattivare tale funzione ma non sono stato in grado in quanto l’app andava in crash ogni volta che l’aprivo.

I bug sono presenti in questa prima release di VOS. Fortunatamente lo sviluppo procede costantemente e si riceve almeno un aggiornamento al mese. Durante le settimane in cui ho provato Vernee Thor E ho effettuato almeno tre aggiornamenti di sistema.

Multimedialità

L’altoparlante di sistema è stato collocato nella parte posteriore dello smartphone. La sua collocazione può essere sia un aspetto positivo che negativo. Positivo se si va a poggiare lo smartphone su una superficie riflettente. Essa infatti andrà ad amplificare il suono in uscita dalla cassa. Qualora invece si va a poggiare il dispositivo ad esempio su un divano, il suono in uscita verrà assorbito quasi completamente. Sarebbe stato certamente preferibile posizionare l’altoparlante sul lato inferiore del Vernee Thor E.

Per quanto riguarda la qualità, durante la riproduzione dei brani musicali si può notare la completa assenza delle tonalità basse. Se si vuole apprezzare un brano musicale nella sua interessa è conveniente utilizzare un paio di cuffie, che non sono però presenti in confezione.

Fotocamera

La fotocamera è sempre stato uno degli aspetti negativi degli smartphone entry-level. Il Vernee Thor E non fa eccezione. Le specifiche tecniche riportano di una fotocamera posteriore da 13MP ed una anteriore da 5MP. In realtà, le lenti sono rispettivamente da 8MP con interpolazione a 13MP e 2MP con interpolazione a 5MP. Questo significa che viene effettuata una elaborazione software su ogni foto scattata.Recensione Vernee Thor E 6

In condizioni di scarsa luminosità ed in ambienti interni le foto presentano molto rumore. I contorni delle figure non sono ben definiti e basta un minimo zoom per sgranare l’immagine. All’aperto e con maggiore luce la situazione migliora. La messa a fuoco spesso non è ottimale ed è facile perdere il fuoco quando si sta effettuando uno scatto. Inoltre i colori non sono molto fedeli alla realtà e tendono ad essere molto sbiaditi.

Batteria

La batteria è l’aspetto migliore di questo smartphone. Essa è un’unità da ben 5020mAh. Nonostante la grande capacità, essa non va ad impattare né sulle dimensioni (spessore) né sul peso complessivo del Vernee Thor E. Potendo sfruttare un display HD e le prestazioni non elevate di CPU e GPU, sono riuscito ad ottenere risultati molto soddisfacenti per quanto riguarda l’autonomia.

Dai test effettuati, con una sola carica sono riuscito a coprire quasi due giornate di utilizzo dello smartphone, potendo vantare di circa 8/9 ore di schermo acceso. Certamente i risultati sono molto positivi per quanto riguarda questo aspetto ed è difficile ottenere gli stessi risultati con altri smartphone.

Conclusioni

Anche Vernee, come Xiaomi ed altre aziende del settore, ha iniziato a seguire la strada dello sviluppo in proprio del sistema operativo. Certamente è una mossa da elogiare, ma i risultati attualmente non sono soddisfacenti. Il Vernee Thor E presenta una serie di caratteristiche interessanti per uno smartphone entry-level. La batteria è eccezionale, il sensore di impronte digitali funziona in maniera ottimale e le prestazioni generali del telefono sono buone.

Purtroppo le buona caratteristiche hardware non sono supportate da un sistema operativo all’altezza. Sono presenti ancora alcuni bug che spesso creano problemi nell’utilizzo di funzioni basilari come il microfono durante la chiamata. Lo sforzo da parte dell’azienda è evidente ma allo stato attuale è difficile consigliare questo smartphone a persone poche avvezze alla tecnologia. Lo sviluppo in ogni modo continua e sono sicuro che prossimi aggiornamenti software porteranno a risolvere i problemi sopra citati. Se dopo aver letto questa recensione Vernee Thor e sei interessato all’acquisto del dispositivo, ti ricordo che lo puoi trovare su Gearbest ad un prezzo che oscilla tra i 90 ed i 100€.

CONDIVIDI